QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 11° 
Domani 12° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 17 gennaio 2020

Attualità venerdì 10 gennaio 2020 ore 18:05

Dalla prossima estate al mare in bici

Avviati i lavori nei tre lotti, 10 chilometri da Pisa a Marina lungo l’antico tracciato del trammino. Previste aree di sosta e alberature



PISA — "Da questa estate potremo andare in bicicletta al mare senza rischiare la vita", l’annuncio è dell’assessore all’urbanistica e mobilità Massimo Dringoli nel presentare lo stato dei lavori per la realizzazione della “Ciclopista del Trammino”, la pista ciclabile che permetterà di collegare la città di Pisa al suo litorale. "Il nostro – continua Dringoli - è l’inizio di un percorso verso una diversa mobilità che permetterà di raggiungere il nostro litorale con mezzi alternativi alle auto. Con la pista ciclabile vogliamo dare un chiaro segnale di inversione di tendenza. Al momento i lavori sono iniziati lungo tutto il percorso e proseguiranno in modo autonomo in tre lotti distinti, così da accelerare la realizzazione".

La “Ciclopista del “Trammino” è un tracciato di quasi dieci chilometri che segue l’antico tracciato del tram su rotaie attivo fino agli anni ‘60 da cui ha preso il nome. Attualmente sono in corso le verifiche sulla presenza degli ordigni bellici sull’intero tracciato che proseguiranno fino alla settimana prossima; si prevede che i lavori saranno conclusi entro il prossimo mese di agosto, eventualmente prevedendo parziali utilizzi anticipati. I lavori, affidati da Pisamo, società strumentale in house del Comune, sono realizzati da tre diverse ditte, in quanto divisi in tre distinti lotti per un importo complessivo di 2,8 milioni di euro, finanziati per il 60% con risorse comunali e il 40% con contributo regionale POR FESR 2014-2020. L’intervento rientra nel progetto più ampio di “Ciclopista dell’Arno”, inserita nel Programma triennale dei lavori pubblici 2019-2021, per un costo complessivo di 6,701 milioni di euro.

La “Ciclopista” comprende il tratto da La Vettola (via Vecchia Livornese) alla vecchia stazioncina di Marina; in tutto il tracciato la larghezza della pista sarà pari a 3,5 metri. Sono previste aree di sosta in corrispondenza delle vecchie stazioni ferroviarie di San Piero a Grado, Marina Bocca d’Arno e Marina di Pisa, attrezzate con panche, tavoli da picnic, fontanelle, rastrelliere per biciclette e contenitori per rifiuti. 

I lavori sono iniziati nel mese di novembre e ad oggi il tracciato è stato pulito da tutte le alberature e dai rovi, sono stati rimossi binari e traversine ferroviarie e sono in corso le indagini per la bonifica bellica. Per l’esecuzione della pista non è previsto in alcun caso l’impiego di strutture di sostegno in qualunque materiale, per questo dove il tracciato ferroviario è in rilevato è stato preferito abbassare il rilevato dopo avere rimosso i binari, in modo da far sostenere la pista al terreno stesso. 

Il primo lotto [lunghezza 2.600 metri] va da La Vettola (Via Vecchia Livornese) a San Piero a Grado (intersezione con la via vecchia comunale di Marina). 

Il secondo lotto [lunghezza 5.600 metri] è dall’intersezione con la via vecchia comunale di Marina a via Barbolani a Marina di Pisa. 

Il terzo [lunghezza 1.400 metri] da via Barbolani a la stazione di Marina di Pisa. 



Tag

Autostrade, Conte: "In cdm quando saremo pronti, non domani"

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità