Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Covid, la lezione di Burioni: «Il vaccino ha salvato 500 mila vite in Europa. Vogliatevi bene e vaccinatevi»

Attualità lunedì 23 settembre 2019 ore 13:30

Maleodoranze, manifestazione a San Piero a Grado

Foto di: Antonio Mazzeo (da Facebook)

Cittadini in piazza con mascherine e striscioni per dire stop ai miasmi. Il presidente del Parco: "Chi ha creato il problema deve risolverlo"



PISA — Numerosi cittadini hanno manifestato questa mattina a San Piero a Grado per dire basta alle maleodoranze da giorni avvertite nella frazione (vedi articoli collegati) e sono scesi in piazza muniti di mascherine e striscioni.

Tra i presenti anche presidente del Parco di San Rossore Migliarino Massaciuccoli Giovanni Maffei Cardellini e il vicepresidente Maurizio Bandecchi.

"Chi ha creato il problema deve risolverlo - ha detto il presidente dell'Ente Parco - come Parco abbiamo fatto ciò che era in nostro potere, presentando una denuncia alle autorità competenti, e attendiamo i risultati delle analisi Arpat per prendere ulteriori provvedimenti. Siamo il Parco delle comunità ed è giusto che le comunità come quella di San Piero siano parte attiva nel Parco".

"Servono pratiche agricole che migliorano la qualità dei suoli e dei prodotti, perché è in gioco sia la salute degli abitanti sia la salute di chi consuma i prodotti che vengono coltivati - continua il vicepresidente dell'Ente Maurizio Bandecchi - vogliamo coinvolgere gli operatori del territorio con l'obiettivo di creare nuove regole condivise per un'agricoltura di qualità. Il metodo che seguiamo come Parco è quello del consenso e della condivisione e non solo delle imposizioni e dei vincoli".

Presente anche il consigliere regionale del Pd Antonio Mazzeo. "Questi sono i cittadini di San Piero a Grado - ha scritto il consigliere pubblicando su Facebook alcune foto della manifestazione -. Da settimane su gran parte del territorio l'aria è irrespirabile a causa degli sversamenti di fertilizzante all'interno di un'azienda agricola e ci sono addirittura scuole in cui non si riesce a fare lezione, tanto acre e pungente è il cattivo odore. Serve assolutamente trovare una soluzione e serve farlo in fretta perché non è possibile gestire ancora a lungo una simile situazione".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I nuovi contagiati risiedono in gran parte nella zona del capoluogo ma ci sono casi anche in Valdera, comprensorio del Cuoio e alta Valdicecina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Marco Celati

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Attualità

Attualità