Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA14°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 04 marzo 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Le chiusure generalizzate sacrificio necessario: ma ci aspettiamo tempi rapidi per i vaccini

Attualità sabato 06 febbraio 2016 ore 14:01

Non cadere nella rete, giovani e cyber-bullismo

Per un mese gli esperti di informatica del Cnr faranno lezioni sul il cyber bullismo al liceo “Giosuè Carducci” di Pisa



PISA — Per tutto il mese di febbraio, 14 classi per un totale di oltre 330 studenti del liceo Carducci di Pisa faranno lezioni seminariali sull'uso corretto della rete e sul il fenomeno del cyber bullismo. In aula, per quella che è la più grande campagna anti cyber bullismo messa in atto in Toscana, ci saranno gli esperti del Registro .it , l’anagrafe dei domini italiani che opera presso l’Istituto di informatica e telematica del Cnr (Iit-Cnr).

Le lezioni del Registro .it saranno incentrate sulle enormi potenzialità positive della rete come ad esempio quella dell’informare, del condividere esperienze e conoscenze , e non da ultimo l’affacciarsi di nuove professioni che potranno essere scelte proprio dagli studenti liceali come ad esempio quelle collegate ai big data e a internet delle cose.

La rete però, può essere scenario di comportamenti anti sociali e violenti , che, come nella vita reale, possono avere sviluppi e conseguenze anche tragiche, non previste dagli stessi giovani protagonisti. “Agli studenti spiegheremo – dice Anna Vaccarelli del Registro .it e primo tecnologo dello Iit – che nella rete non c’è il tasto “delete”, cancella, e quindi nello scegliere il contenuto da divulgare devono capire che quello sarà il loro bagaglio reputazionale e che, un domani non lontanissimo, potrà essere consultato, ad esempio, dal potenziale datore di lavoro”. Se i giovani decidono di mettere on line, contenuti da “bullo”, e quindi apparire come tali, sembreranno così anche in futuro e la loro reputazione “bullesca”, potrà ritorcersi contro di loro. I docenti del Cnr mostreranno video, immagini e documenti esemplificativi della “cattiva reputazione” che, anche a distanza di anni, un individuo si porta dietro. La campagna anti cyber bullismo si incentrerà anche su questionari i cui risultati saranno analizzati da un psicologo ed illustrati agli stessi studenti.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca