Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:10 METEO:PISA12°19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 06 maggio 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Omicidio Cerciello, la vedova in lacrime: «Questa sentenza non mi riporterà Mario»

Politica domenica 21 marzo 2021 ore 11:20

Nuovo Cda di Toscana Aeroporti, partita aperta

Mentre i soci pubblici ancora tacciono sui nomi da presentare entro il 2 Aprile, si fanno sentire i piccoli azionisti e Diritti in Comune



PISA — "Il Comune sia presente nel Cda di Toscana Aeroporti" è l'appello che arriva dal Comitato dei piccoli azionisti Ta attraverso una nota congiunta con gli Amici di Pisa. Mentre il gruppo di minoranza Diritti in Comune dice "no al risiko sulle nomine, si discuta dei programmi a difesa dell’interesse pubblico". Queste le prime reazioni alla notizia che gli azionisti di Toscana Aeroporti sono chiamati a presentare, entro il 2 Aprile, la lista dei candidati per l'elezione del nuovo consiglio di amministrazione da parte dell'assemblea dei soci fissata per il 29-30 Aprile.

Una notizia che, pubblicata alcuni giorni fa da QUInews Pisa, ha messo in luce il totale silenzio delle istituzioni pubbliche coinvolte in questa questione assai delicata, ovvero il futuro della gestione degli aeroporti "Galilei" di Pisa e "Vespucci" di Firenze Peretola, controllata da Corporacion America Italia Spa

Come riportato nel precedente articolo (Verso il rinnovo del Cda di Toscana Aeroporti), non sono pochi i soci pubblici con quote di Toscana Aeroporti: Regione Toscana (5,03%), Camera di Commercio di Pisa (4,17%), Provincia di Pisa (4,91%), Comune di Pisa (4,48%), ma anche Provincia di Livorno (1,25%), Camera di Commercio di Firenze (4,05%) e Comune di Firenze (1,39%).

"La Regione Toscana - queste le preoccupazioni di Gianni Conzadori (piccoli azionisti Ta) e Roberto Ferraro (Amici di Pisa) -, detentrice del 5,03% di TA, si sbilancerà probabilmente a favore di un esponente del territorio metropolitano fiorentino. E’ importante che i soci pubblici pisani: Comune ( 4,48 % ), Camera di Commercio (CCIAA - 4,17%) e Provincia(4,91%) concordino dei nominativi, che siano fattivamente espressione del territorio pisano e/o della costa"

"Ci risulta che la Provincia di Livorno abbia conservato una quota azionaria in TA - aggiungono -, per cui sarebbe utile coinvolgerla nell’individuazione di nomi che lavorino sinergicamente con l’intera area vasta costiera, di cui il Galilei è un volano trainante. Poiché nel Cda in scadenza, dopo le incomprensibili dimissioni di Ylenia Zambito (sostituita dalla pratese Silvia Bocci) e quelle dell’Amministratore Delegato, Gina Giani (sostituita dal Presidente fiorentino di CAI, Roberto Naldi), su 15 membri, rimangono solo i pisani: Stefano Bottai, eletto coi soci di maggioranza e Pierfrancesco Pacini, rappresentante del socio minoritario Cciaa, riteniamo prioritario che, dopo l’interruzione unilaterale di TA dei rapporti con il Consiglio comunale, il Sindaco Conti candidi un competente e battagliero rappresentante del territorio pisano e della costa".

Se per i piccoli azionisti la priorità è che si difendano gli interessi di Pisa e della costa, per il gruppo di minoranza Diritti in Comune l'obiettivo primario è tutelare gli interessi pubblici e i lavoratori di Toscana Aeroporti e di Toscana Aeroporti Handling, per la quale è arrivata una offerta di acquisto da una non ben precisata cordata di imprenditori italiani.

"Come per tutte le questioni che riguardano gli assetti di potere di Toscana Aeroporti - osserva Francesco Auletta, rappresentante in consiglio di Diritti in Comune -, anche sul rinnovo del Cda regna il silenzio. Noi invece vorremmo sapere come l'amministrazione, guidata dal sindaco Conti, intende muoversi: quali sono le proposte che il Comune di Pisa pensa di fare? Ci sono stati incontri e interlocuzioni con la Regione Toscana, con il Comune di Firenze, con la Camera di Commercio di Pisa al riguardo? Più ancora del nome ci interessa che ci sia un confronto pubblico sui programmi e le proposte che il rappresentante di parte pubblica dovrà portare in CdA. In questi mesi, grazie alle nostre iniziative, il consiglio comunale ha votato all'unanimità degli atti di indirizzo molto chiari sul futuro del sistema aeroportuale toscano. E da qui occorre partire".

"Il rappresentante dei soci pubblici nel CdA di Toscana Aeroporti - sottolineano da Diritti in Comune - deve innanzitutto chiedere la revisione del masterplan prevedendo la cancellazione della nuova pista di Peretola da 2400 metri, alla luce delle bocciature da parte del Tar e del Consiglio di Stato. Inoltre, è per noi irrinunciabile che chi rappresenta la parte pubblica debba anche chiedere il ritiro della proposta di vendita del comparto handling, sollecitando al contempo politiche a sostegno dei lavoratori diretti, indiretti ed in appalto, che in questa fase vivono una situazione di drammatica incertezza, a causa della crisi economica e sociale determinata dalla pandemia".

"Una buona volta - domanda in conclusione Auletta -, si intende dunque agire con trasparenza e confronto pubblico oppure dovremmo assistere all'ennesimo risiko sulle nomine?"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I report di Regione e Asl segnalano 71 nuove positività in provincia di Pisa. Ecco i numeri che fotografano le ultime 24 ore
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

CORONAVIRUS