Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Quirinale, Salvini: «Se ho incontrato Cassese? Non so neppure dove abiti»

Attualità martedì 12 novembre 2019 ore 08:20

Prevenire la violenza sulle donne, "C'è Luisa"

A Pisa il progetto “C’è Luisa” per prevenire la violenza sulle donne. Incontro a Palazzo Gambacorti con le attività commerciali



PISA — Si è tenuto a Palazzo Gambacorti l’incontro con le attività commerciali che hanno aderito al progetto “C’è Luisa”, pensato per aiutare le donne che si trovano in una situazione di pericolo, difficoltà o disagio dalla quale vogliono uscire con discrezione ed in sicurezza. L’iniziativa, promossa dal consigliere comunale Alessandro Bargagna, è stata realizzata dall’assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno e dall’assessore alle politiche sociali Gianna Gambaccini, presenti oggi all’incontro insieme al sindaco Michele Conti, al comandante della Polizia Municipale Michele Stefanelli e ai rappresentanti di Confcommercio e Confersercenti che hanno collaborato alla diffusione del progetto. I proprietari di locali pubblici che a Pisa hanno aderito, che al momento sono 34, hanno ricevuto oggi il “Kit c’è Luisa” e una prima formazione sul funzionamento del progetto da parte dei promotori nazionali del progetto, Nicola Provolo e Giacomo Vianello.

Il progetto è già attivo in Germania, Austria, Svizzera e in Italia nelle province di Verona e Trento. “C’è Luisa” è un codice condiviso in grado di attivare in modo immediato e discreto una serie di interventi per mettere subito in sicurezza la donna in potenziale o concreto pericolo. La persona che si trova in difficoltà può entrare in un locale con esposto il marchio e chiedere “C’è Luisa?”. Qui lo staff preparato appositamente, capirà subito che si tratta di una richiesta di aiuto e la persona in difficoltà riceverà supporto immediato per andarsene dalla situazione alla svelta, con discrezione ed in sicurezza, decidendo da sola quale aiuto desidera utilizzare, ad esempio chiamando un taxi, un’amica o le forze dell’ordine.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il caso, riguardante l'ospedale Santa Chiara, è stato portato all'attenzione pubblica dalla trasmissione di Rete4 "Fuori dal coro"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Politica

Cronaca

Attualità