Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA13°20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Attualità martedì 17 dicembre 2019 ore 19:09

Primo incontro per il controllo di vicinato

Prima riunione sul protocollo. L'assessore Bonanno: "Sulla buona strada per garantire maggiore sicurezza in tutte le zone della città"



PISA — Prima riunione sul controllo di vicinato. Oggi pomeriggio si sono riuniti in questura i coordinatori cittadini individuati in riferimento all' attuazione del protocollo d'intesa siglato tra la prefettura e il Comune.

Il Coordinatore, quale referente di zona, è l'anello di congiunzione tra un gruppo di cittadini e le forze di polizia. A loro i rappresentanti di polizia di stato, carabinieri, guardia di finanza e polizia municipale hanno fornito suggerimenti e indicazioni operative sulle modalità di comportamento e su che tipo di informazioni fornire alla forze di polizia per favorire la creazione di una rete virtuosa di cittadini . 

"La formazione dei coordinatori e l'organizzazione di periodici incontri con le forze di polizia - sottolinea la questura- è fondamentale per far crescere e perfezionare il progetto, per migliorare la sicurezza urbana con la partecipazione dei cittadini e dei residenti che possono fornire in sicurezza ogni informazione utile ai fini preventivi e repressivi ed interloquire efficacemente con le forze di polizia .Una ventina di gruppi sono ormai attivi nel comune di Pisa e tutti i coordinatori riceveranno periodicamente, dai referenti della Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, Polizia Municipale , una formazione tale da permettere la piena attuazione del protocollo d'intesa".

"Con la riunione di questo pomeriggio – spiega l’assessore alla sicurezza Giovanna Bonanno – viene attivato ufficialmente il ‘controllo di vicinato’, un sistema di sicurezza partecipata con una corsia preferenziale di informazioni tra cittadini e Forze dell’ordine. Erano presenti i coordinatori dei diversi gruppi di vicinato fra i quali quelli già attivati in questi mesi in diverse zone della città, penso a Putignano, Sant’Ermete, Riglione, Coltano e Litorale. Un ulteriore strumento per garantire maggiore sicurezza in tutte le zone della città".

"Come Comune - continua Bonanno - crediamo a questa impostazione che abbiamo fortemente voluto, considerato che in via informale avevamo già sperimentato qualcosa di simile con la polizia municipale ottenendo anche ottimi risultati utili anche in fase investigativa e ribadiamo il nostro ringraziamento al Prefetto, che ha consentito questo strumento, validato anche dal Ministero dell’Interno, al questore di Pisa e a tutte le forze dell’ordine. Naturalmente un grazie va anche a quei cittadini che si sono messi a disposizione".

I gruppi di cittadini attivati con il “Controllo di vicinato” svolgono esclusivamente attività di osservazione su fatti e circostanze che accadono nella propria zona di residenza. Spetta al referente del gruppo trasmettere le segnalazioni alle forze dell’ordine attraverso cellulare o posta elettronica. Il protocollo vieta severamente qualsiasi iniziativa personale, compresa qualunque forma, individuale o collettiva, di pattugliamento del territorio. Il protocollo ha durata triennale e prevede una verifica generale congiunta ogni semestre.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

CORONAVIRUS

Cronaca

Cronaca