Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA15°24°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 06 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Civili torturati, trincee, bunker e mitragliatrici come nel 1915: viaggio nella prima linea ucraina dopo Kherson lungo il fiume Dnipro

Attualità domenica 03 luglio 2022 ore 13:30

Quasi 400 esperti per la diagnosi dell'amiloidosi

Gli organizzatori del convegno

Fondazione Monasterio e Scuola Sant'Anna raccolgono i contributi di studiosi italiani e internazionali. Emdin: "Malattia rara che diventa curabile"



PISA — Un pool di studiosi da tutto il mondo per lo studio della amiloidosi cardiaca da catene leggere. Alla due giorni di Pisa Amyloid 2022, il convegno internazionale organizzato dalla Fondazione Monasterio e dalla Scuola Superiore Sant'Anna, con l'apporto della Fondazione Menarini, hanno infatti partecipato oltre 70 esperti in presenza e quasi 300 in collegamento da vari Paesi. Uniti dall'obiettivo di approfondire della patologia.

Del resto, proprio i ricercatori di Monasterio e Sant'Anna hanno utilizzato radiofarmaci per identificare l'amiloide nel cuore, mettendo a punto un protocollo di studio che permette l'identificazione di amiloidosi cardiaca da catene leggere. Una novità importante che, di fatto, permette una diagnosi precoce e non invasiva per individuare una patologia che compromette l'elasticità del cuore e la cui diagnosi è spesso difficile.

"Una malattia, definita rara, che oggi, grazie al lavoro della ricerca, diventa diagnosticabile e curabile - ha spiegato il professor Michele Emdin, coordinatore del Centro Health Sciences della Scuola Superiore Sant'Anna e direttore del dipartimento cardiotoracico della Fondazione Monasterio - è stata una due giorni di importantissimo livello, dalla quale usciamo con contributi rilevanti e con una grande partecipazione".

La sala durante i lavori della due giorni

Tra gli interventi, infatti, ve ne sono stati anche di grandi nomi del panorama scientifico italiano, europeo e internazionale: Merlini, Rapezzi, Agostoni, Metra, Merlo, Canepa per l’Italia e, tra gli stranieri, Jacob, Kelley, Coats, Cohen Solal, Dispenzieri, Grogan, Garcia Pavia, Maurer, Coehlo, Fontana, Gillmore.

Il convegno è stato aperto da Sabina Nuti, rettrice della Scuola Superiore Sant’Anna, Marco Torre, direttore generale della Fondazione Monasterio e dagli interventi di Andrew Coats, presidente della Hearth Failure Association European Society of Cardiology, Stefano Taddei, direttore del Dipartimento di Medicina Clinica e Sperimentale dell’Università di Pisa e Fabio Recchia, direttore dell’Istituto di Fisiologia Clinica del Cnr.

A conclusione, sono stati premiati i giovani ricercatori che si sono messi in luce con i loro studi: Alberto Aimo, Anna Cantone, Alessio Balletti, Vincenzo Castiglione, Giorgia Panichella, Daniela Tomasoni Mattia Zampieri.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati, aggiornati alle ultime 24 ore, emergono dal monitoraggio regionale che fa il punto sull'andamento dell'epidemia in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Sport

Attualità