Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:30 METEO:PISA15°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 20 aprile 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, le notti violente all'Arco della Pace

Politica lunedì 07 dicembre 2020 ore 11:47

Stazione Leopolda, "Il bene è in vendita"

Lo rivela il consigliere comunale Ciccio Auletta parlando di "Bilancio preventivo non attendibile" e di "Svendita" della Leopolda



PISA — Il Comune ha destinato alla vendita, per 2 milioni e 600 mila euro, la Stazione Leopolda.

A rivelarlo il consigliere comunale di Diritti in Comune Ciccio Auletta, che parla di "Svendita di uno spazio pubblico delle cittadine e dei cittadini, che chiediamo venga immediatamente tolto dal piano delle alienazioni".

Per la Leopolda, recentemente, si erano sollevate polemiche dopo che le associazioni che vi trovavano spazio erano state trasferite e il Comune era tornato in possesso del bene con l'idea di creare "Uno spazio per fiere ed eventi a pagamento" ( vedi articoli correlati ).

Auletta ha analizzato il bilancio preventivo del Comune, presentato recentemente e ha parlato di "Bilancio inattendibile e non veritiero".

"Conti e la Lega propongono un piano delle opere pubbliche in cui, dei 62 milioni di investimenti per il 2021, ben 16,5 milioni deriverebbero dal piano delle alienazioni di immobili comunali. 

Nel bilancio dello scorso anno era stato iscritto a bilancio un importo pari a 12 milioni di euro, rimasto solo sulla carta ed anche nel 2018, pre-pandemia, a fronte di 9 milioni iscritti a bilancio erano state realizzate vendite per appena 600 mila euro. Quest’anno, addirittura, si arriva ad aumentare la cifra, nonostante il perdurare ed accrescersi della crisi del mercato immobiliare", spiega Auletta.

"Occorre anche fare chiarezza sulla dichiarazione, fatta a gran voce dal sindaco Conti, che “non aumenteranno le tasse, rimanendo invariate IMU, Tari, imposta di soggiorno”. La Tari, infatti, resta ai livelli dell’anno precedente solo perché il Comune è impossibilitato ad approvare il piano economico finanziario dei rifiuti da cui si determina l’importo della tariffa, dato che l’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (Arera), non ha ancora approvato i criteri per la definizione dei piani finanziari dei comuni". 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
In alcuni casi le varianti Covid resistono. Al professor Menichetti, direttore di Malattie infettive a Cisanello, abbiamo chiesto la situazione
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Cronaca