Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:10 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 29 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte mangia un gelato dopo il vertice con Letta e Salvini: «Problema risolto? Speriamo che la notte porti consiglio»

Attualità martedì 10 marzo 2020 ore 13:43

Vandalismi dell'8 marzo, 70mila euro per ripulire

E' la stima fatta dall'assessore Bedini a seguito del raid notturno nel quale molti edifici pubblici della città sono stati imbrattati con scritte



PISA — L’assessore all’ambiente Filippo Bedini, all’indomani della comparsa di numerose scritte vandaliche in tema 8 marzo su muri di palazzi storici, monumenti, marciapiedi, strade e arredi urbani, ha fatto una prima conta dei danni. La stima provvisoria è stata fatta a partire dal confronto con le spese sostenute dal Comune in occasione del raid vandalico seguito allo sgombero del Galeone occupato che si verificò nel luglio dello scorso anno. In quell’occasione furono spesi quasi 15 mila euro per un numero di scritte cancellate molto inferiore a quello attuale, che ammonta a circa 300 sfregi.

“Siamo in attesa dei preventivi relativi alla rimozione delle scritte vandaliche effettuate sabato notte lungo tutto il percorso pedonale del centro storico che va da piazza Vittorio Emanuele fino a via Santa Maria, passando per Corso Italia, via San Martino, Ponte di Mezzo e l’asse di Borgo – ha commentato l’assessore Bedini -. Preventivi che abbiamo richiesto a ditte specializzate nel lavoro di rimozione delle vernici a spray su tutti i tipi di superfici, compresi i muri di palazzi storici e monumenti, che devono essere effettuate con le tecniche e le professionalità del restauratore". 

"Questa volta infatti a essere imbrattati non sono stati soltanto normali intonaci - ha ricordato l'assessore all'ambiente -, ma anche muri di palazzi sottoposti al vincolo della Soprintendenza, pavimentazioni in marmo e asfalto architettonico, arredi in marmo e acciaio corten, cassonetti interrati. Quindi le spese che dovrà sostenere il Comune saranno molto più alte rispetto al raid vandalico della scorsa estate, perché nel caso di palazzi vincolati, con muri in marmo e pietra le tecniche di pulizia e di restauro sono più specializzate e i costi lievitano. Non abbiamo ancora la cifra esatta per stimare il danno, ma valutiamo che questa volta il costo per ripulire l’intero centro storico sarà cinque volte tanto, raggiungendo la cifra di oltre 70 mila euro”.

“Sono stati utilizzati – spiega la restauratrice Valeria Pulvirenti, incaricata di procede con la rimozione delle scritte sui muri in pietra di Palazzo Gambacorti - spray sintetici a solvente che penetra la pietra porosa in maniera molto aggressiva, soprattutto con i colori più intensi. Il procedimento di restauro prevede prima di applicare degli impacchi di pasta cellulosa, ricoperti con la pellicola che assorbono la vernice, poi gli impacchi vengono tolti per procedere con la microsabbiatura, il lavaggio e infine l’applicazione di un trattamento di protezione per rendere la pietra idrorepellente".

“Come Amministrazione – ha aggiunto l’assessore Bedini - stiamo valutando la strada per rivalerci nei confronti degli autori di questi atti vandalici, laddove le autorità preposte riescano ad individuare e perseguire gli autori del danno, attraverso l’analisi dei filmati delle telecamere che sono al vaglio della Polizia Municipale. In un momento così difficile e delicato come quello che sta vivendo la nostra città e l’intera nazione, caratterizzato dalla presenza di un’emergenza sanitaria di così grande portata, riteniamo ancor più grave quanto accaduto. L'indignazione è massima alla luce di rivendicazioni deliranti, in cui la parola più ricorrente è "violenza", fatte da vandali che hanno usato violenza contro la nostra città, muri, marmi e arredi. Una violenza inaccettabile, una stupidità che va oltre ogni immaginazione. Tutto all'insegna di uno slogan, "sorella non sei sola", che con una simile violenza deturpatrice si è unanimemente rivoltato contro come un boomerang. Oggi, infatti, Pisa grida tutto il suo sdegno: "sorelle, siete sole"...”


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tanti sono i casi di Coronavirus accertati nelle ultime 24 ore in provincia di Pisa, dove si registrano anche due nuovi decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Sergio Carli

Giovedì 27 Gennaio 2022
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Sport