Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:43 METEO:PISA20°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 02 agosto 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Jacobs: «Sono solo nato in Texas, l'Italia è la mia Nazione». Tamberi: «Sono l'uomo più felice al mondo»

Attualità mercoledì 20 luglio 2016 ore 09:15

In manette banda sinti che razziava la Lucchesia

Maxi operazione dei Carabinieri per arrestare una banda di etnia sinti colpevole di furti, rapine a mano armata e pure di aver divelto un bancomat



PISTOIA — Una maxi operazione che vede coinvolti più di ottanta militari, impegnati nelle provincie di Pistoia, Massa, La Spezia e Grosseto.

Coordinati dai Carabinieri di Lucca e con l'aiuto dei nuclei cinofili di Firenze e Pisa-San Rossore, i militari stanno setacciando praticamente tutta la Toscana per arrestare una banda di etnia sinti che si sposta nei campi nomadi della provincia.

Dieci in tutto, colpevoli di numerosi reati: furti in abitazioni e presso aziende del territorio, asportazione di bancomat divelti da istituti bancari ed uffici postali, e la rapina ai danni di un gioielliere di Lucca, che venne ammanettato e colpito ripetutamente con pugni e col calcio di una pistola, dopo aver rubato preziosi per un valore superiore ai sessantamila euro.

Complessivamente sono dieci le misure restrittive, di cui otto in stato di arresto e due con l'obbligo di firma, ai danni della presunta banda di nomadi sinti. L'accusa è di associazione a delinquere finalizzata alla commissione di reati contro il patrimonio, furto, rapina, ricettazione. Una ventina le perquisizioni in corso.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati sanitari aggiornati alle ultime 24 ore. Oltre il 75 per cento dei nuovi contagi si è verificato tra bambini, ragazzi e giovani sotto i 35 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Davide Cappannari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità