comscore
QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 17° 
Domani 11°19° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 05 aprile 2020
corriere tv
Coronavirus, Toti: «Da giovedì in farmacie, edicole e tabaccai, buste con mascherine per tutti i cittadini»

Cronaca lunedì 27 gennaio 2014 ore 19:53

Quel pezzo di città dalla Memoria corta. I martiri delle foibe nel mirino degli antifascisti

Danneggiata la lapide sulla rotonda all’incrocio fra via Lucchese e via Paparelli. Lo sdegno del sindaco Filippeschi



PISA — Dalla violenza può nascere solo altra violenza. E capita così che nel giorno in cui si ricorda un eccidio, si finisca per violentarne un altro.

Nella rotonda all’incrocio fra via Lucchese e via Paparelli, la dedica ai Martiri delle foibe è stata sostituita dalla scritta Pisa antifascista. Il cartello è stato presto rimosso dalla Polizia municipale, che dovrà ora presentare una denuncia contro ignoti.

Ma quello che è successo oggi a Pisa è altro dal danneggiamento di una lapide commemorativa: la memoria resta in chi sa e conosce. Nelle foibe non morirono fascisti, ma italiani ritenuti stranieri in quella che era da sempre casa loro. Esattamente come diversi, a un tratto, furono ebrei, omosessuali, dissidenti politici.

Il sindaco di Pisa Marco Filippeschi ha sottolineato la volgarità e l’ignoranza degli autori del gesto: "Proprio nel giorno della memoria non si sentiva alcun bisogno sul paragone sottointeso fra i caduti della shoah (zingari, ebrei, omosessuali, rom, malati di mente, comunisti, partigiani…) e i martiri delle foibe indicati da alcuni come fascisti. Così si semplifica e si travisa una vicenda dolorosa". 

MAGAZZINO 18 - 1947 - Simone Cristicchi - TRIBUTO A SERGIO ENDRIGO TERNI


Tag
 
Programmazione Cinema Farmacie di turno

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità