QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 10°14° 
Domani 14° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 20 marzo 2019

Attualità giovedì 10 gennaio 2019 ore 11:40

​In tre biomarcatori il futuro dei malati di cuore

Il dosaggio combinato permetterà di predire il destino dei pazienti con scompenso. Lo studio di Scuola Superiore Sant'Anna e Fondazione Monasterio



PISA — Sono tre i biomarcatori individuati dai ricercatori della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa e della Fondazione Toscana Gabriele Monasterio che permettono, se utilizzati insieme, di predire il destino dei pazienti con scompenso cardiaco e di valutarne la probabilità di ospedalizzazione. Si tratta del recettore solubile Sst2, dell'ormone cardiaco Nt-probnp e della proteina cardiaca troponina T dosata con metodiche ad alta sensibilità. 

Nello specifico, sono stati analizzati 4.268 pazienti attraverso metodiche statistiche avanzate. Dall'analisi è emerso che il dosaggio dei tre biomarcatori permette di adattare le terapie sulla base del rischio individuato per ciascun paziente. In questo modo si possono individuare più categorie di rischio: elevato, intermedio, basso.

I ricercatori che hanno lavorato allo studio sono Michele Emdin, Alberto Aimo, Claudio Passino, Giuseppe Vergaro, Andrea Ripoli. Con loro hanno collaborato gli studiosi dei più importanti centri di ricerca europei e americani pubblicato su una rivista cardiologica Journal of the American College of Cardiology.

"Il dosaggio di Sst2 - spiega una nota della Sant'Anna - è un nuovo strumento che si aggiunge all'ormone Nt-probnp e alla troponina. Questo dosaggio comunemente impiegato per la diagnosi di infarto miocardico acuto potrebbe pertanto essere utilmente impiegato anche nello scompenso cardiaco". 



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Politica

Cronaca