Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:33 METEO:PISA12°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 29 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Conte mangia un gelato dopo il vertice con Letta e Salvini: «Problema risolto? Speriamo che la notte porti consiglio»

Cronaca martedì 16 settembre 2014 ore 19:42

Gli studenti sono troppi, l'autista li fa scendere

Il sindaco Parrella scrive al Ctt per chiedere spiegazioni e manda i vigili sul posto. I 15 ragazzi rimasti a piedi venivano anche dal Comprensorio



SANTA MARIA A MONTE — Il clima in azienda si fa caldo e lui lascia i bambini in mezzo alla strada. Questa mattina a Montecalvoli nel comune di Santa Maria a Monte, l'autista di un mezzo del Ctt, che proveniva da Empoli ad un certo punto ha fermato il proprio autobus e ha deciso che 15 ragazzi che dovevano raggiungere le scuole superiori di Pontedera scendessero dal mezzo di trasporto pubblico. La motivazione addotta dall'autista quando i ragazzi gli hanno chiesto perché dovessero scendere è stata che sul pullman erano saliti troppi passeggeri, più di quanti la carta di circolazione prevedesse e quindi non se la sentiva di procedere in quella condizioni che potevano rappresentare un pericolo per la sicurezza dei ragazzi e una responsabilità eccessiva per il lavoratore, che poteva rischiare persino di perdere la patente. Alla fine i 15 ragazzi che in parte provenivano da Santa Croce e Montopoli – stando a quanto hanno riferito agli operatori del Comune intervenuti sul posto - sono dovuti scendere dal veicolo e rimanere a Montecalvoli alla fermata vicino alla farmacia.

Sul posto dopo poco sono arrivati i vigili urbani di Santa Maria a Monte, che hanno preso in custodia i ragazzi tutti minorenni e hanno avvisato i familiari che li sono andati a prendere con le proprie automobili perché l'autista non ha voluto saperne di farli rimontare.

L'episodio ha mandato su tutte le furie il sindaco di Santa Maria a Monte, Ilaria Parrella che ha subito inviato una lettera al Ctt chiedendo le motivazioni di tale gesto, a suo avviso gravissimo, visto che si tratta di ragazzi minorenni. “Spero che episodi del genere non si verifichino più – ha spiegato Parrella che ha seguito per tutto il giorno personalmente la vicenda – la gravità di questo fatto indipendentemente dalle ragioni del lavoratore, è inaccettabile perché ha lasciato 15 ragazzi minori in mezzo alla strada e creato disagio alle famiglie”.

Proprio il fatto che i ragazzi sono minori potrebbe aggravare la posizione dell'autista che, nell'ambito di una lotta sindacale particolarmente pressante, non si è assunto la responsabilità di infrangere la legge, mettendo a rischio la propria patente, ma lasciando i ragazzi a metà corsa.  


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Ti potrebbe interessare anche:

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tanti sono i casi di Coronavirus accertati nelle ultime 24 ore in provincia di Pisa, dove si registrano anche due nuovi decessi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Giancarlo Chiellini

Giovedì 27 Gennaio 2022
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Cronaca

Attualità