Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA19°31°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 30 giugno 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Se Conte è un grillino, Enrico Letta è un hooligan…

Attualità lunedì 16 maggio 2022 ore 19:30

"Keu, nessuna responsabilità degli amministratori"

Il sindaco di Peccioli Renzo Macelloni

Il sindaco Renzo Macelloni commenta quanto descritto da Arpat nell'audizione della commissione per il Keu: "Tutto deriva dalla società Lerose"



PECCIOLI — |"Sindaci e amministratori non possono avere responsabilità sull'inquinamento dovuto al Keu." Lo ha specificato il sindaco di Peccioli, Renzo Macelloni, che commenta quanto emerso durante i lavori della commissione regionale istituita nel Maggio dello scorso anno per contrastare il fenomeno delle infiltrazioni mafiose dopo lo scandalo Keu.

In particolare, Macelloni ha fatto il punto dopo l'audizione del direttore tecnico di Arpat, Marcello Mossa Verre. "Tutta la vicenda prende avvio intorno al 2017, quando vengono rilevati casi di inquinamento in alcuni terreni nel Comune di Pontedera - ha spiegato - tra i materiali analizzati, come specifica Arpat, ve ne erano alcuni che venivano dalla ditta Lerose. Questo faceva pensare che si trattasse di un composto di vari materiali di risulta da demolizioni e frantumazioni di macerie varie. In questo caso, veniva utilizzato anche il Keu".

"Stando ad Arpat, questo è un rifiuto che veniva trattato dall’impianto Lerose e che è ed è stato definito dalla stessa agenzia regionale come fango derivante dal depuratore di Aquarno. Per questo, l'attività di Arpat si è spostata dal cantiere di Pontedera alla società Lerose, fino ad Aquarno nella parte di trattamento fanghi - ha proseguito - il depuratore, a seguito dei numerosi controlli di Arpat, non ha registrato alcun illecito ambientale. Durante l'audizione, inoltre, il direttore Mossa Verre ha spiegato come se Lerose avesse lavorato bene, il materiale in uscita avrebbe rispettato i criteri ambientali".


Dunque, al centro della questione, si troverebbe la stessa azienda con base a Pontedera. Fatto che, appunto, spinge Macelloni a domandarsi cosa possa essere imputato a sindaci e amministratori. "Dal confronto con Arpat, emerge una responsabilità diretta in termini di inquinamento di almeno 10 siti da parte della società Lerose - ha detto Macelloni - quali responsabilità possono avere gli amministratori chiamati in causa sul possibile inquinamento prodotto da questa società?".

"Sicuramente saranno i magistrati a chiarire tutti gli aspetti della vicenda, ma fin da ora appare chiaro che, se il maggiore organo di controllo sostiene ciò che ha descritto in commissione, non si evince un ruolo di pubblici amministratori come complici o, addirittura, protagonisti di inquinamento ambientale - ha concluso - è molto importante per l’opinione pubblica, che sa di poter contare, specialmente in un momento così complesso, di amministratori degni del massimo rispetto".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Le operazioni di bonifica lungo la Sp2 Vicarese, dopo lo sversamento di ieri, non sono andate a buon fine. Subito in giornata i lavori di asfaltatura
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Lavoro

Cronaca

Spettacoli