Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 11:15 METEO:PISA11°18°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 25 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Maltempo in Sicilia: auto travolte dal fango a Scordia, si cercano dispersi

Attualità mercoledì 28 novembre 2018 ore 16:00

Laurea Honoris causa a Paolo Dario

Paolo Dario

E' stata conferita al professore ordinario della Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa dall’Università Campus Bio-Medico di Roma.



ROMA — La Laurea in Ingegneria Biomedica gli è stata consegnata dal magnifico rettore Raffaele Calabrò “per il suo contributo scientifico allo sviluppo della bioingegneria che ha aperto nuove frontiere dell’innovazione tecnologica per la promozione della salute e della qualità della vita della persona mediante l’impiego della robotica in medicina”.

Un prestigioso riconoscimento che premia il lungo e articolato percorso scientifico di Paolo Dario, dagli esordi nella bioingegneria fino al passaggio alla robotica biomedica e alla nascita della biorobotica, ed ai più recenti sviluppi dell’integrazione con settori quali la bionica. Nella sua lectio magistralis dedicata alle “Nuove frontiere dell'ingegneria biomedica: dalla biorobotica alla bionica e oltre” il professor Dario ha ripercorso la storia di alcune grandi avventure da lui vissute sui temi della ricerca, dell’educazione, del trasferimento tecnologico. 

“Un riconoscimento non tanto a me quanto a quello che la bioingegneria italiana ha costruito fino a oggi – ha sottolineato lo stesso Paolo Dario – una comunità cresciuta tantissimo e che ha prodotto grandi talenti. E’ un settore che coniuga molto bene scienza e ingegneria, con un impatto sociale ed educativo a tutti i livelli. Sono ormai realtà molti progetti che fino a pochi anni fa erano solo sogni: dalle mani bioniche impiantate a persone amputate, alla possibilità di far camminare persone con lesioni al midollo spinale"

"Nella Firenze del Cinquecento – ha poi aggiunto lo studioso – Leonardo, Raffaello e Michelangelo camminavano insieme: era forse quella Firenze meno smart di San Francisco? No, l’importante non è avere città smart, bensì cittadini smart." 

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Previsto un momento pubblico di raccoglimento e ricordo, per salutare la dottoressa e assessora comunale scomparsa a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Sport