Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:33 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 22 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Mustafa è in Italia, il bambino simbolo della guerra in Siria arrivato a Roma

Cronaca mercoledì 19 febbraio 2014 ore 19:15

Valutare le funzioni mentali di chi è in stato vegetativo

Il progetto dell'Azienda ospedaliero universitaria pisana è uno di quelli finanziati dal ministero della Salute



PISA — Una diagnosi esatta e la relativa prognosi in pazienti con disturbi di coscienza come lo “stato vegetativo” e quello di “minima coscienza” è un compito difficile anche per i clinici più esperti.
Valutazioni retrospettive indicano infatti che, basandosi soltanto sull’osservazione clinica, si possa sbagliare diagnosi fino al 40per cento dei casi. Attualmente, definire lo stato di coscienza di un paziente o caratterizzarne eventuali funzioni mentali residue è quindi una vera sfida per le neuroscienze cliniche.
A questo interessante filone di ricerca è dedicato uno degli 11 progetti dell'Aoup e finanziati dal ministero della Salute nel bando di ricerca finalizzata e giovani ricercatori.

Sviluppo e validazione di nuove metodologie per la valutazione in vivo dei pattern di connettività funzionale nei disturbi di coscienza è il titolo dello studio e cercherà di sviluppare soluzioni innovative al problema della caratterizzazione clinica di questi pazienti. Lo studio sarà coordinato a livello nazionale dal Dott. Emiliano Ricciardi, ricercatore dell’Università di Pisa e medico dell’Azienda ospedaliero-universitaria pisana, e vedrà la partecipazione dell’Università di Messina e dell’IRCCS Centro Neurolesi ‘Bonino Pulejo’ di Messina. La speranza dei ricercatori coinvolti è di riuscire a definire uno strumento multidisciplinare clinico che possa permettere di stabilire il livello di coscienza di un paziente neurologico e di poterne eventualmente valutare il grado di recupero funzionale.

Negli ultimi anni, l’utilizzo di metodologie non invasive per l’esplorazione metabolico-funzionale del cervello quali la risonanza magnetica funzionale, rappresenta infatti un mezzo promettente per valutare le funzioni mentali in pazienti con disturbi di coscienza. In particolare, attraverso algoritmi innovativi di analisi del segnale cerebrale, si spera di poter presto arrivare a misurare l’attività cerebrale spontanea di questi pazienti e ricavarne un indice di diagnosi e, soprattutto, di possibile recupero.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Ore di apprensione e ricerche per la scomparsa di un dipendente pubblico che non ha fatto ritorno a casa. In campo anche le unità cinofile
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

Attualità

Attualità