Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:15 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 27 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elisabetta Belloni e il suo pensiero su donne e carriera diplomatica

Cronaca lunedì 06 novembre 2017 ore 15:08

Decoindustria, il rebus della bonifica

La ex Decoindustria di Santo Stefano a Macerata, Cascina

Mentre stamani il sito è stato visitato dalla commissione bicamerale sui rifiuti, in Regione il M5s chiede l'estromissione del Comune per inadempienza



CASCINA — La bonifica della Decoindustria, e in particolare del serbatoio D6, è una pagina dolente del territorio cascinese. Il sito industriale di Santo Stefano a Macerata, infatti, dopo il fallimento dell'azienda perché travolta dieci anni fa dalle indagini sullo smaltimento illegale di rifiuti in Campania, è lì che ancora attende di essere bonificato. Non solo: prima della bonifica è necessario mettere in sicurezza l'area e campionare i terreni ( "Dio solo sa cosa c'è lì sotto", si ripetono da anni i cittadini ), ma i rimpalli di responsabilità fra Regione, Provincia e Comune stanno bloccando tutto. La domanda è: chi deve sostenere i costi?

Stamani ha fatto visita al sito la commissione bicamerale di inchiesta sul ciclo dei rifiuti, accompagnata dai tecnici Arpat e dai carabinieri del Noe. Da qui l'impressione che la situazione possa sbloccarsi da un momento all'altro, anche perché la Prefettura vuole vederci chiaro e stabilire una volta per tutte chi dovrà intervenire.

Nel frattempo, in Regione, il Movimento 5 stelle ha presentato un'interrogazione, con la quale si chiede di esautorare il Comune di Cascina dalla bonifica delle Decoindustria.

“Dal 2014 - hanno scritto i consiglieri grillini - Irene Galletti e Giacomo Giannarelli - il serbatoio D6 nel sito ex Decoindustria è sempre lì in attesa della messa in sicurezza. Poco può imputarsi alla Regione, che ha dato 7,8 milioni di euro in otto anni alla Provincia di Pisa per togliere i rifiuti pericolosi presenti nel sito e, davanti all’inadempienza dell’istituzione, voleva chiudere la questione tramite un protocollo d’intesa inviato al Comune di Cascina il 20 marzo 2017. Purtroppo per i cascinesi ci risulta che il Comune a guida leghista sia sparito, non abbia risposto alla sollecitazione regionale del 1 settembre né abbia rispettato l’ultimatum del 16 ottobre per dirimere una questione che la stessa Regione, quasi imbarazzata nell’ultima lettera all’amministrazione di centrodestra, indicava delicata e critica, come peraltro noto a codesto Comune”.

“In quella lettera - proseguono i cinquestelle - la Regione dichiarava che senza alcuna risposta del Comune di Cascina, avrebbe proceduto attuando gli interventi sul sito ex Decoindustria bypassando l’amministrazione. A questo punto, visto che dalla giunta Ceccardi ci risulta non sia arrivato niente, vorremmo sapere quanto più interessa ai cittadini: quando la Regione svuoterà e smantellerà il serbatoio D6, verificando magari tramite ARPAT se vi sono contaminazioni del sottosuolo”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il caso, riguardante l'ospedale Santa Chiara, è stato portato all'attenzione pubblica dalla trasmissione di Rete4 "Fuori dal coro"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Attualità