Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 15:08 METEO:PISA22°34°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 10 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Renzi/Calenda, il matrimonio di convivenza: chi porta in dote cose (e chi rischia l'osso del collo)

Politica domenica 07 novembre 2021 ore 06:30

Per Di Matteo l'unanimità in consiglio comunale

Maggioranza e opposizione d'accordo per intitolare uno spazio pubblico a Giuseppe Di Matteo, ucciso a 12 anni dalla mafia



CASCINA — La mozione, presentata dal gruppo Valori e Impegno Civico Dario Rollo, volta a intitolare a Giuseppe Di Matteo un parco, un’aula scolastica o un luogo di aggregazione per ragazzi, è stata approvata all'unanimità. Un voto che è stato accolto con soddisfazione dai due consiglieri del gruppo Vicdr, Dario Rollo e Lorenzo Peluso

“Ringraziamo tutto il consiglio comunale per aver condiviso la nostra proposta - hanno commentato - volta a ricordare ai cascinesi, e in particolare ai più giovani, Giuseppe Di Matteo, nell’anniversario dei venticinque anni che ricorrono dal suo brutale assassinio". 

Il piccolo Giuseppe, figlio dell'allora collaboratore di giustizia Santino Di Matteo, fu vittima di una vendetta nel tentativo di fare tacere il padre. Venne rapito il 23 Novembre 1993, quando aveva appena 12 anni, al maneggio di Altofonte in provincia di Palermo, da un gruppo di mafiosi che agivano su ordine di Giovanni Brusca, allora latitante e boss di San Giuseppe Jato. 

Secondo le deposizioni (riportate dai giornali) di Gaspare Spatuzza, che prese parte al rapimento, i sequestratori si travestirono da poliziotti ingannando il bambino, che credeva di potere rivedere il padre, in quel periodo sotto protezione in un luogo lontano dalla Sicilia. Dopo 779 giorni di prigionia venne ucciso barbaramente e il suo corpo, sciolto nell'acido, non fu mai trovato. 

"L'intento del nostro gruppo politico - hanno sottolineato Rollo e Peluso - è quello di rendere omaggio a questa piccola vittima della mafia, non solo per non dimenticare tale brutale assassinio, ma affinché nessuno, Cittadini e Istituzioni, ciascuno per la propria parte, abbassi mai la guardia e possano essere rafforzati i valori della legalità e della giustizia". 

Rollo, durante il suo intervento in consiglio comunale, ha ribadito con forza che la mafia non è qualcosa di astratto e lontano dalla nostra realtà quotidiana, ma si insinua anche nel nostro territorio. 

"Basti ricordare - hanno detto in proposito Rollo e Peluso - che sono ben due gli immobili sequestrati alla criminalità organizzata a Cascina da parte dell’Agenzia Nazionale per l’amministrazione e gestione dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Uno di essi, a San Frediano, fu ristrutturato dal comune e nel 2019 adibito per l’emergenza abitativa. Per l’altro invece non è ancora terminato l’iter e, nonostante l’attenzione riservata alla questione negli ultimi anni dallo stesso Rollo, ritardi e rinvii da parte di alcuni attori, hanno reso difficoltoso il percorso. Ci si augura che il momento della presa in carico dell’immobile da parte del Comune sia prossimo. Sarebbe una concreta vittoria dello Stato nei confronti della mafia".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, martedì 9 Agosto, riportati oltre 15mila tamponi effettuati in Toscana. Aumento dei nuovi contagiati in Provincia
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Spettacoli

Attualità