Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 04 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Sanremo 2022, chi sono i 22 partecipanti: l'annuncio di Amadeus

Attualità venerdì 16 aprile 2021 ore 16:00

Scuole negate ai non residenti, c'è una proposta

Il sindaco D'Addona durante l'inaugurazione della nuova scuola di Crespina

Sindaco e assessori disposti a concedere per quest'anno le iscrizioni per le medie ma non per i nuovi iscritti alle elementari Dolci



CRESPINA LORENZANA — Precisando che la proposta era già stata avanzata alla dirigente scolastica dell'Istituto comprensivo Mariti e all'Ufficio scolastico provinciale il 31 Marzo - quindi prima del presidio di protesta dei genitori del 10 Aprile -, il sindaco Thomas D'Addona e la giunta hanno oggi reso pubblica una possibile soluzione "transitoria" per risolvere la questione dei bambini non residenti esclusi dalle scuole del territorio. L'amministrazione comunale, in pratica, fa un piccolo passo indietro sui 16 bambini esclusi dalle medie (gli alunni non residenti che escono da Lorenzana, tuttavia, potranno andare solo a Fauglia) ma non cede sulle iscrizioni alle elementari, continuando a difendere i principi che hanno portato al varo del discusso Piano di utilizzo degli edifici scolastici.

"L’applicazione dei criteri del suddetto Piano provocherebbe - così D'Addona e gli assessori -, se applicata in maniera netta, una spiacevole situazione di interruzione della continuità della classe tra la quinta e la prima ai danni di alcuni bambini e delle aspettative che le relative famiglie si erano create. Il contenuto di questa proposta, una volta riconosciuto il problema nella sua complessità, è finalizzato unicamente gestire un periodo transitorio col fine di evitare questa interruzione di continuità".

"La proposta di mediazione - spiegano - pone come primo punto la necessità di risolvere il problema alla fonte, ossia presso la scuola primaria di Cenaia riportare nel tempo il numero degli iscritti ad una soglia “normale”, dove per normale si intende un numero che ci dia la possibilità di recuperare i tre laboratori smantellati per fare spazio a tre nuove aule, utilizzare il refettorio in un turno solo e riportare a Cenaia le due classi che, a causa del sovrannumero, siamo stati costretti a dislocare a Ceppaiano, con gravi disagi per bambini ed insegnanti e grave spreco di soldi (24 mila euro per il pulmino e aggiuntivo più il ripristino delle aule in condizioni di decenza). È a questo proposito il caso di osservare che mentre ci preoccupiamo di salvaguardare le esigenze dei non residenti, sarebbe il caso di non trascurare neppure delle esigenze dei residenti… L’unico modo di perseguire questo legittimo obiettivo è di prendere in considerazione le richieste dei non residenti solo quando il numero totale sarà sceso ad un livello di normalità e la percentuale di non residenti sia scesa dall’attuale 20% a valori fisiologici del 5-6%, dunque accettare le 7 domande di iscrizione alla Dolci dei non residenti in questo contesto sarebbe da considerarsi assurda".

"E questo è il primo punto, ovvio, che se viene meno fa saltare il senso di tutto il ragionamento - hanno sottolineato -. Invece per quanto riguarda la scuola media, per tener conto di queste esigenze dei non residenti, ed evitare delusioni alle famiglie e soprattutto ai bambini, si propone di accogliere in via transitoria tutti gli studenti frequentanti le quinte del Mariti, utilizzando però lo stesso criterio seguito da TUTTI fino ad oggi, vale a dire: Le classi quinte di Cenaia potranno trovare posto (residenti e no) presso la scuola di Crespina - come storicamente è sempre avvenuto, mentre gli iscritti della scuola di Lorenzana hanno sempre fatto riferimento alla secondaria di Fauglia e potranno continuare a farlo, (infatti negli ultimi 7 anni una sola persona si è iscritta a Crespina proveniente da Lorenzana). Ovviamente si deve fare eccezione per i residenti che hanno frequentato la quinta di Lorenzana e che potranno scegliere di frequentare la primaria del loro Comune".

"In questo modo - concludono gli amministratori di Crespina Lorenzana - tutti coloro che lo chiedono potranno trovare accoglienza nell’Istituto Mariti (da più di un genitore è stato sottolineato che ciò che attira non è l’edificio ma la didattica) senza che venga meno la possibilità di mantenere un equilibrio tra le varie scuole, ossia evitando di averne una sovraffollata e l’altra sottoutilizzata. In altri termini si chiede che l’IC Mariti per gestire questa anomalia che per la prima volta si verifica (iscrizioni alla secondaria provenienti da non residenti della quinta di Lorenzana) si comporti nel segno della continuità, senza assecondare queste modifiche e scostamenti dalla prassi, che produrrebbero disomogeneità da scongiurare, a maggior ragione in regime di covid. Pur rimanendo ovvio che il Piano di Utilizzo degli edifici scolastici debba restare sulle due sezioni alla secondaria di Crespina (con una media di 40 residenti per anno non ha senso prevedere tre sezioni) si specifica che, in ossequio ai contenuti di questa proposta, potremmo gestire come eccezione i numeri di quest’anno e degli anni a venire, accettando come conseguenza i disagi e i costi che questo comporta, con l’obiettivo, a cui punta la nostra soluzione, di risolvere il problema nel tempo cercando di evitare disomogeneità all’interno dell’ IC Mariti. Va da sé che questo passaggio ha senso solo se si riduce da subito il numero dei non residenti alla Dolci, evitando che altri esterni entrino in prima elementare. Tutelare il benessere dei bambini e l’elevato standard di qualità della scuola al quale, con notevole impegno, il Comune ha puntato è un nostro compito ed un obiettivo a cui non vogliamo rinunciare. Fuori da questa proposta, qualsiasi decisione che vedesse rinviato il problema o addirittura aggravato, vedrebbe la nostra ferma opposizione. È arrivato il momento dell’assunzione di responsabilità da parte di tutti".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Un uomo residente nel Pisano è stato arrestato dalla polizia postale. L'indagine della procura di Firenze si sviluppa anche in altre province toscane
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Attualità

Cronaca