Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA10°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 25 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
«Stupido figlio di p...», la gaffe di Biden che insulta un giornalista a microfono acceso

Attualità lunedì 10 novembre 2014 ore 18:30

Il Comune e le polemiche sul 4 novembre

Dispiace - si sottolinea - che la ricorrenza "non abbia potuto avere un ricordo religioso, a causa di un disguido, ma la responsabilità non è nostra"



CASCINA — Le celebrazioni della festa dell'Unità d'Italia e delle forze armate che si sono svolte a Cascina ieri, domenica 9 novembre 2014, sono state il secondo momento istituzionale che l'amministrazione comunale ha organizzato per celebrare il 4 novembre.

Il primo momento si è svolto martedì 4, quando un rappresentante della giunta comunale ha deposto corone in ricordo dei caduti e ha visitato le scuole primarie di Latignano, Cascina, San Frediano, San Casciano, Casciavola, e Titignano, per un momento di riflessione con i ragazzi sul valore ancora attuale di questa ricorrenza.

Ieri, domenica 9 novembre, le celebrazioni “prevedevano – sottolinea una nota del Comune – il ricevimento delle autorità in sala consiliare, e quindi la deposizione delle corone sia alla cappella votiva del cimitero vecchio di Cascina, sia in piazza dei Caduti. È ormai prassi consolidata che tali cerimonie a carattere laico siano organizzate dal Comune, nella convinzione che date come il 4 novembre debbano rimanere consegnate alla storia del paese, che debbano essere ricordate e valorizzate al fine di coltivare tra gli italiani la coscienza del comune passato storico”.

Il Comune di Cascina, assieme alle associazioni combattentistiche e della Resistenza, ha “adempiuto anche quest'anno a ricordare degnamente il 4 novembre e tutti colori che hanno dato la vita per il paese e la sua unità. Dispiace pertanto che quest'anno, il 4 novembre non abbia potuto avere anche un corrispondente ricordo religioso, come è sempre accaduto, a causa di un disguido la cui responsabilità non è del Comune, che invece ha curato tutti gli appuntamenti istituzionali inseriti nel proprio programma e che si sono svolti regolarmente, rispettando doverosamente la ricorrenza dell'Unità d'Italia e delle Forze armate”.

Senza voler “biasimare nessuno – si conclude – la convinzione dell'amministrazione comunale di Cascina è che l'uso del buon senso, che tutte le parti coinvolte in questo episodio hanno sempre dimostrato, prevarrà e che sin dal prossimo 4 novembre 2015 questa celebrazione tornerà a essere motivo di unione e non di polemiche passeggere”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Dal bollettino regionale i dati che fotografano l'andamento dell'epidemia nelle ultime ventiquattro ore. Altri due decessi in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Chi mette al centro la persona

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Cronaca

Cronaca

Attualità