Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA20°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 19 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni comunali, il Pd ha vinto ma la battaglia per le Politiche sarà diversa

Attualità giovedì 20 settembre 2018 ore 14:54

Il robot pianta sbarca a Pisa

Il plantoide ( foto Istituto Italiano di Tecnologia )

Il primo robot pianta al mondo, l'esoscheletro soffice XoSoft e l'avatar robotico Ego sbarcano a Pisa per il festival della Robotica



PISA — Pisa apre le porte a Genova e ai ricercatori dell’IIT-Istituto Italiano di Tecnologia che saranno presenti al Festival internazionale della Robotica dal 27 settembre al 3 ottobre con numerosi interventi su intelligenza artificiale, robotica per la riabilitazione, robot per l’emergenza e collaborazione uomo-robot. 

Alcune tecnologie robotiche saranno in mostra alla Stazione Leopolda: il primo robot pianta al mondo, il Plantoide, l’esoscheletro soffice XoSoft sottoforma di pantalone sensorizzato, entrambi supportati dalla commissione europea, e il robot EGO, un avatar robotico semi-antropomorfo comandato a distanza, realizzato da IIT e dal Centro Enrico Piaggio dell’Università di Pisa. 

Tra i relatori della manifestazione i ricercatori di IIT: Arash Ajoudani, che parlerà di robot collaborativi; Antonio Bicchi, interverrà in più occasioni sulla robotica del futuro, in particolare nel campo delle cyber protesi, quali la mano SoftPro, di cui ne racconterà le caratteristiche anche Manuel Catalano; Barbara Caputo, parlerà del progetto finanziato dall’European Research Council (ERC) in cui sta sviluppando l’intelligenza dei robot sfruttando l’uso di internet; Lorenzo De Michieli, presenterà i risultati raggiunti nell’ambito delle tecnologie per la robotica riabilitativa con INAIL; e Nikolaos Tsagarakis, che parlerà dei robot per il supporto dell’uomo in situazioni di emergenza.

L’esoscheletro XoSoft e il robot pianta Plantoide saranno in mostra alla Stazione Leopolda durante l’intera manifestazione, presentati dai ricercatori del Center for Micro-BioRobotics di IIT a Pontedera, tra cui Barbara Mazzolai, coordinatrice del Centro IIT, e Lucia Beccai, ricercatrice senior di IIT. L’esoscheletro XoSoft è una tecnologia che i ricercatori stanno realizzando all’interno dell’omonimo progetto finanziato dalla Commissione Europea e coordinato da IIT, con l’obiettivo di ottenere un sistema robotico vestibile, in grado di assistere persone con disabilità motorie lievi o moderate degli arti inferiori, dovute a patologie legate all’invecchiamento, condizioni congenite o croniche o a infortuni.

Il Plantoide è il primo robot pianta al mondo che replica le caratteristiche meccaniche e chimiche di una radice. È costituito da un apice radicale munito di sensori, che permettono al robot di riconoscere le sostanze presenti nell’ambiente, come acqua, sali o inquinanti disciolte nel suolo.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Determinante il suo apporto alla Parte di Tramonana e alla ripresa della manifestazione degli anni '90. Il cordoglio dell'assessore Bedini
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Bruno Renato Mariotti

Domenica 17 Ottobre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Spettacoli