Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:45 METEO:PISA11°19°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 26 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il centro di Catania scomparso sotto la forza dell'acqua

Attualità giovedì 03 dicembre 2020 ore 19:15

Aeroporto Galilei, Naldi in consiglio comunale

Roberto Naldi

L'Ad di Toscana Aeroporti ha parlato come socio: "La contrapposizione Pisa-Firenze non esiste, né nelle volontà né negli atti"



PISA — L'ingegner Roberto Naldi, amministratore delegato di Toscana Aeroporti, invitato a intervenire al consiglio comunale ha fatto il punto sull'aeroporto Galileo Galiei e non ha risparmiato dure critiche, in particolare a chi accusa la società di non rispettare gli impegni presi sugli investimenti e di favorire lo scalo fiorentino di Peretola.

"Espressioni vecchie, trite e ritrite, un disco rotto" ha definito la relazione sul Galilei elaborata dalla Commissione consiliare e illustrata dalla presidente, la consigliera Olivia Picchi.

Naldi, innanzitutto, ha precisato di parlare come rappresentante del socio di maggioranza (Corporacion America) e non come amministratore delegato, in quanto la società non può rispondere direttamente al consiglio comunale, essendo Toscana Aeroporti quotata in borsa e con un'assemblea dei soci: "Abbiamo impegni, doveri e limiti nel comunicare ai nostri soci" ha ricordato.

L'ingegnere ha quindi parlato a lungo delle difficoltà del settore aeroportuale e dell'impossibilità di fare previsioni su quando questo potrà ripartire. Data la drammaticità della situazione, ha detto senza mezzi termini, l'obiettivo è salvare la società e per questo molti degli investimenti previsti, compreso quello per la realizzazione del nuovo terminal, sono sospesi. Azzerate anche tutte le sponsorizzazioni, al Teatro Verdi di Pisa come a tutti gli altri. Ta chiuderà il 2020 in perdita e così anche il 2021, se non sarà possibile raggiungere almeno il 75% dei passeggeri annui registrati nel 2019.

"Nel 2021 - ha sottolineato - se arriveremo a 2,5-3 milioni di passeggeri saremo fortunati e non sapete che fatica facciamo per aggiornare, settimana dopo settimana, le previsioni. A chi mi chiede come sarà la situazione a Gennaio, Febbraio, Marzo, io rispondo abracadabra. Non so se voi avete la sfera di cristallo per dire quanti passeggeri avremo nel 2021...".

Dati anche alcuni numeri. Al momento al Galilei volano 9 compagnie su 16 e tutti i 900 dipendenti sono in cassa integrazione. Su questo tema Naldi ha segnalato che si stanno facendo pressioni sul governo affinché rinnovi la Cig e che, purtroppo, data la cassa integrazione, Toscana Aeroporti non può prolungare i contratti a termine e part-time. Tre le attività commerciali del Galilei rimaste aperte su circa 50, aiutate affinché possano sopravvivere. Mentre all'aeroporto di Firenze le attività sono tutte chiuse.

Sull'ampliamento del terminal pisano Naldi ha ricordato che il Comune di Pisa ha approvato soltanto nel Giugno 2020 le opere propedeutiche alla realizzazione dei sottoservizi e che l'opera si farà quando si potrà intravedere il ritorno ai volumi di traffico del 2019, ovvero sopra i 5 milioni di passeggeri. 

Ad ogni modo, alcuni investimenti sono stati fatti. Tra questi, ha ricordato il rappresentante di Corporacion America, anche 300mila euro per ammodernare la sede distaccata dei vigli del fuoco, più interventi sulle piste e per il sistema bagagli. Inoltre, sta andando in porto una trattativa per ottenere dai militari altre quattro piazzole, da destinare ad uso civile.

"Non è corretto dire che Toscana Aeroporti non rispetta gli impegni presi perché nel frattempo il mondo è completamente cambiato" ha sottolineato sempre Nardi, definendo gli 85 milioni di contributi pubblici ricevuti "un materasso" per tenere in vita la società.

"La contrapposizione Pisa-Firenze non esiste, né nelle volontà né negli atti: gli aeroporti strategici sono due, la pista di Peretola si farà e non toglierà nulla a Pisa" ha ribadito in conclusione l'ingegnere di Toscana Aeroporti, ricordando che la nuova pista a Firenze la vuole soprattutto Enac

Con l'aggiunta di due precisazioni: che è stata Alitalia a cancellare il Pisa-Roma ("Non c'erano passeggeri, abbiamo fatto di tutto per trovare una compagnia che sostituisse Alitalia, il Firenze-Roma c'era già e vedrete che presto Alitalia cancellerà anche quello") e che il calo di passeggeri registrato nel 2019 dal Galilei si deve a delle cancellazioni di Ryanair ("Discutere sul più o meno uno per cento non serve a niente").

"Ringrazio il Consiglio Comunale – queste le parole del sindaco, Michele Conti – che ha lavorato per creare questa occasione di confronto; ringrazio in particolare i consiglieri della Commissione Controllo e Garanzia per aver prodotto un documento unitario che è servito come base di confronto su Toscana Aeroporti, società per azioni di cui anche il Comune di Pisa mantiene delle quote. Un’azienda che dà lavoro a circa 900 persone e riveste per la nostra città e per il territorio una centralità assoluta dal punto di vista occupazionale e socio-economico. Ecco, per queste 900 famiglie e per tutto l’indotto siamo molto preoccupati. Per questo il Consiglio Comunale ha chiesto oggi degli impegni precisi alla realtà aeroportuale a garanzia dei posti di lavoro e, al contempo, sul fronte dei futuri investimenti".

"Programmare e investire – ha aggiunto il primo cittadino – è fondamentale anche in questo momento, a prescindere dalla crisi globale del trasporto passeggeri dovuta alla pandemia. Perché fra qualche mese, ci auguriamo tutti, con una efficace copertura vaccinale, l’emergenza coronavirus cesserà e i voli riprenderanno. Quello sarà il momento in cui sarà necessario farsi trovare pronti: solo così anche Toscana Aeroporti, come tutte le aziende che sono sul mercato, riuscirà a superare questa crisi e a salvare i posti di lavoro".

Migliori broker per fare trading online per finaria.it

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'uomo è stato bloccato dalla polizia municipale dopo una colluttazione. Poi, durante i controlli, è spuntato fuori lo stupefacente
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Attualità

Cronaca

Attualità