Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISA11°14°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 07 dicembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Checco Zalone imita Riccardo Muti, che è in sala a sorpresa: «Maestro, mi lasci lavorare, tengo famiglia»

Attualità mercoledì 13 aprile 2022 ore 10:00

"Sarà una base a basso impatto ambientale"

Una esercitazione Gis al Cisam di San Piero a Grado

L'Arma dei Carabinieri, dopo le polemiche politiche e i cori di "no" di questi giorni, spiega e difende il progetto della base militare a Coltano



PISA — "La struttura è concepita a basso impatto ambientale" scrivono dal Comando provinciale di Pisa dell'Arma dei Carabinieri, difendendo così il progetto del Ministero della Difesa di realizzare una nuova base militare a Coltano, in aree di pertinenza del Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli e in buona parte adibite a coltivazioni agricole.

"Il sedime individuato per ospitare la base del Gruppo di Intervento Speciale (Gis), il 1° Reggimento Paracadutisti “Tuscania” ed il Centro Cinofili è in parte già costruito (ospita una ex base radar, ora in disuso) - puntualizzano dall'Arma - e per il resto è classificato “zona agricola di recupero ambientale” in quanto ricade nella cosiddetta “area agricola delle aree esterne” del Parco regionale di Migliarino - San Rossore - Massaciuccoli. L’opera avrà un basso impatto ambientale alla luce di una serie di considerazioni".

Tra queste, segnalano i Carabinieri, "il sedime della base avrà un’estensione complessiva di 72,9 ettari, ma 28 saranno mantenuti a superficie verde, valorizzata con un’estesa piantumazione di vegetazione autoctona per incrementare l’assorbimento di anidride carbonica. Dei rimanenti 45 ettari (0,19% del Parco) le edificazioni ne copriranno solamente 5 (lo 0,02% del Parco); i restanti 40 ettari saranno adibiti a viabilità e servizi, con idonee opere di regimazione (per non modificare l’equilibrio idrico del sedime) e di vegetazione".

"I criteri di progettazione perseguono un bassissimo impatto ambientale e paesaggistico; tutti gli edifici avranno un’altezza massima di 3 piani e garantiranno emissioni pressoché nulle ricorrendo a sistemi di riscaldamento e condizionamento con impianti fotovoltaici e solare termico, senza uso di combustibili fossili. L’intero sedime potrà, per questo, essere considerato una comunità energetica prossima alla relativa autosufficienza. Al fine di valorizzare il territorio sotto il profilo della sicurezza ambientale e della salvaguardia della biodiversità, nella nuova base sarà allocato un Distaccamento Carabinieri per la Biodiversità e sarà trasferita la Stazione CC Forestale di Pisa, dotata di unità a cavallo per la vigilanza sul Parco stesso".

"Fondamentale è inoltre sottolineare che il d.P.C.M. 14/01/2022, che ha dichiarato l’intervento “opera destinata alla difesa nazionale”, non esclude la Valutazione di Impatto Ambientale (VIA) - segnalano ancora dall'Arma -. Infatti, la disciplina di settore precisa che “la stazione appaltante convoca la conferenza di servizi per l’approvazione del progetto … svolta in forma semplificata … ferme restando le prerogative dell’autorità competente in materia di VIA” (art. 44 co. 4 decreto-legge n. 77/2021)".

"Da non sottovalutare il fatto che presso la base lavoreranno quotidianamente diverse centinaia di Carabinieri, dei quali molti vi risiederanno con le loro famiglie (con conseguente miglioramento del controllo delle condizioni dell’ordine e della sicurezza pubblica); inoltre, presso quella base, saranno ospitati corsi e delegazioni, producendo un flusso costante di visitatori presso le strutture ricettive locali, con i conseguenti benefici sull’indotto economico della periferia pisana.Infine, la base sarà dotata di un asilo nido ed importanti impianti ginnico-sportivi, che saranno messi a disposizione anche della collettività".

"Di fatto, l’opera conferirà un valore aggiunto al Parco - concludono dall'Arma dei Carabinieri -, potendosi integrare nell’ambito dei percorsi turistico-ambientali dello stesso ed in particolare della zona di Coltano, proponendo all’interno dell’area interessata la costituzione di un Centro di educazione ambientale, di un Museo del crimine ambientale (con particolare riferimento al bracconaggio e agli incendi boschivi) e di un percorso naturalistico (aperto a persone diversamente abili) comprensivo di un orto botanico e di un arboreto; l’offerta educativa e culturale, a favore delle scolaresche e, più in generale, della collettività, è tesa a valorizzare ulteriormente il territorio interessato, armonizzandosi con le eccellenze culturali già presenti, costituite dalla Villa Medicea e dalla Palazzina Marconi”.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Nel bollettino di oggi, martedì 6 Dicembre, rialzo di nuove positività anche per i quasi 16mila tamponi processati. A Pisa registrati 97 nuovi contagi
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità