Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 14:00 METEO:PISA15°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 18 aprile 2024
Tutti i titoli:
corriere tv
Gilda Sportiello, deputata 5stelle alla Camera: «Ho abortito e non me ne vergogno»

Attualità martedì 17 gennaio 2023 ore 08:15

Comune e attività rinnovano il Patto anti-movida

Il sindaco Conti alla firma del Patto anti-movida

Firmato il protocollo per contrastare il degrado urbano nel centro storico della città. Conti: "Bilanciare gli interessi economici e dei residenti"



PISA — Il Patto anti-movida va avanti. Comune e associazioni di categoria, infatti, hanno rinnovato l'accordo per il decoro urbano e la movida responsabile, già siglato per l'estate scorsa.

Oltre al sindaco Michele Conti, hanno dato il proprio ok all'intesa anche Massimo Rutinelli, responsabile centro storico di Confcommercio Pisa, Luigi Micheletti, presidente dell’area pisana di Confesercenti Toscana Nord, e Nicola Micheletti, presidente regionale di Cna ristorazione.

"La città è di tutti e va rispettata - ha commentato il sindaco Conti - il Patto siglato insieme alle associazioni di categoria va proprio in questa direzione e si pone l’obiettivo di trovare soluzioni a un problema che da tanti anni caratterizza la nostra città, attraversata ogni giorno da 50mila studenti. Nelle prossime settimane avremo modo di confrontarci con l’Università per trovare dei percorsi condivisi che tengano conto anche delle esigenze dei ragazzi".

"Il tutto senza dimenticarsi dei residenti del centro storico: in questi anni abbiamo fatto molto per sostenere gli operatori economici cittadini, soprattutto nei momenti peggiori della pandemia - ha aggiunto - siamo state una delle poche città capoluogo ad aver concesso il suolo pubblico gratuito per tutto il 2022, investendo circa 500mila euro di risorse comunali. Per il 2023 il suolo pubblico dovrà invece essere pagato ma, grazie ad una procedura semplificata, gli esercizi potranno ancora usufruire della possibilità di utilizzarne il 60% in più".

Il principale obiettivo del Patto, comunque, resta quello di contrastare il degrado urbano, contemperando le esigenze delle attività economiche, dei giovani e dei residenti del centro cittadino. Sono previste, inoltre, nuove iniziative di sensibilizzazione tra i più giovani, ad esempio sul tema dell’abuso di sostanze alcoliche.

"Tra le iniziative assunte dall'amministrazione vi sono le ordinanze per limitare la vendita alcolici e gli orari dei pubblici esercizi - ha spiegato l'assessora alla Legalità, Giovanna Bonanno - ma anche gli incarichi a società private di security per la fornitura di steward, oltre al fondamentale aumento dei servizi in orario notturno della nostra Polizia municipale, reso possibile dall’incremento dell’organico che, dal 2018, è cresciuto del 10% e che porterà altre assunzioni grazie anche ad un nuovo concorso che verrà bandito a breve".

"Questa firma rappresenta un atto di responsabilità comune e condivisa, costituisce un messaggio importante che viene dato alla città da parte dell’amministrazione - ha proseguito l’assessore al Commercio, Paolo Pesciatini - gli obiettivi posti possono essere raggiunti esclusivamente attraverso la concertazione con le associazioni di categoria, che costituiscono il tessuto connettivo con la realtà esistente".

Soddisfazione anche da parte delle associazioni di categoria, che hanno rappresentato le principali attività commerciali del centro storico. "La sottoscrizione del protocollo movida per il 2023 - ha detto Luigi Micheletti di Confesercenti - porta avanti un percorso, già avviato lo scorso anno, di ricerca di punti di equilibrio: come abbiamo detto al tavolo di concertazione è fondamentale che si arrivi presto a coinvolgere il sistema universitario e scolastico cittadino".

"Il nuovo protocollo ricalca quello dello scorso anno, e il risultato complessivamente è stato positivo - ha detto Rutinelli - quasi all'unanimità i pubblici esercizi coinvolti hanno rispettato gli orari di chiusura e di somministrazione degli alcolici, al punto che i verbali si contano in mezza mano. Valutiamo positivamente il rinnovato impegno del Comune sull'impiego degli steward e auspichiamo un ulteriore rafforzamento delle attività di contrasto alla piaga della vendita abusiva di alcolici".

“Ringraziamo il Comune per il risultato raggiunto perché è lodevole vedere questo interesse nel cercare soluzioni che portino benefici sia alla città che alle attività commerciali - ha concluso Micheletti di Cna ristorazione - questi risultati si possono ottenere solo ed esclusivamente quando gli obbiettivi sono chiari e precisi e quando si lotta tutti insieme per raggiungere il medesimo risultato".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati, relativi alla provincia di Pisa, emergono dal report settimanale che monitora l'andamento delle positività sul territorio
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alberto Arturo Vergani

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Cronaca

Attualità

Attualità