Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 06:30 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 03 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Il discorso di Merkel alla cerimonia di fine mandato: «Guardate sempre il mondo con gli occhi degli altri»

Lavoro venerdì 16 aprile 2021 ore 15:20

Lavoratori Ids al voto, per la Fiom è una farsa

Fim e Uilm, dopo aver siglato un accordo con l'azienda, hanno chiamato al voto i lavoratori. Ma per la Fiom si tratta di un referendum illegittimo



PISA — Prosegue lo scontro fra sindacati sul caso Ids dopo che Fim e Uilm hanno siglato un accordo con l'azienda e chiamato al voto i lavoratori, sebbene la Fiom continui a definire illegittimo tanto l'accordo - che prevede licenziamenti - quanto il referendum. "Come era evidente - così Massimo Braccini, coordinatore nazionale Fiom Gruppo Ids -, sindacati minoritari e quindi non rappresentativi dei lavoratori hanno indetto un referendum su una piattaforma digitale senza che le Rsu di Pisa, Napoli e Grottaglie abbiano partecipato e verificato lo svolgimento, senza commissioni elettorali unitarie, senza riscontri, gestito unicamente dai sindacati che hanno firmato l’accordo in deroga alla Legge che blocca i licenziamenti". 

"L’art. 21 della Legge 300/70 - ricorda il rappresentante Fiom - riconosce i referendum indetti da tutte le rappresentanze sindacali aziendali tra i lavoratori. Questo formalmente è quindi un referendum di parte, illegittimo, addirittura hanno usato la sigla Rsu senza che abbiano nessuna titolarità a poterlo fare. Esiste una sola Rsu in ogni azienda, un solo membro Rsu non è la Rsu, ci vorrebbe più rispetto per la democrazia ed i lavoratori".

"La democrazia sindacale e legale è l’insieme di regole che governa la vita sindacale nei suoi aspetti organizzativi e funzionali - commenta ancora Braccini -, non è un elastico che si tira a destra e sinistra per legittimare accordi che vanno incontro all’impresa e contro i diritti dei lavoratori. I lavoratori hanno il diritto di non sottostare a nessun ricatto occupazionale, esistono dei diritti indisponibili, che stanno in capo ai lavoratori e che non possono essere messi in discussione da nessuno, proprio da nessuno. La Ids si è dimostrata un’azienda debole, che ha manifestato una subordinazione al presunto acquirente, (che peraltro non si è mai palesato al tavolo) ponendo un ricatto pesante a tutti i lavoratori come condizione per avere un futuro lavorativo".

"Non hanno mai parlato di volontarietà di licenziamenti, ma di voler licenziare 27 persone precise - conclude Braccini -, non solo in deroga al blocco decretato dal Governo, ma anche alla Legge 223 che regola la materia. Continueremo a batterci insieme alle Istituzioni per portare ad un tavolo il nuovo acquirente, per avere un piano industriale, per definire un accordo vero e di garanzia riguardo la salvaguardia di tutte le sedi Ids, dell’occupazione e sul futuro del gruppo".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il bollettino sanitario fotografa la situazione sul fronte epidemico. Ecco la distribuzione delle nuove positività in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Politica