Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:30 METEO:PISA14°23°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 06 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dentro la prima linea di Kherson, tra carri armati distrutti, morti e russi in fuga

Politica domenica 07 agosto 2022 ore 15:05

"Richieste di Confcommercio sono irricevibili"

C'è carenza di lavoratori e Confcommercio lancia l'allarme, ma Una Città in Comune risponde: "Paghe da fame e nessun diritto, adesso basta"



PISA — Una Città in Comune e Rifondazione comunista non ci stanno. Le richieste pervenute da Confcommercio nei giorni scorsi, sulla necessità di interventi governativi per una maggior flessibilità del mercato del lavoro, sono "semplicemente irricevibili" per il raggruppamento guidato dal consigliere Ciccio Auletta.

"La motivazione per cui non si trovano lavoratori e lavoratrici nel settore della ristorazione e del turismo è molto semplice - hanno scritto - salari da fame, sfruttamento intensivo della manodopera, mancanza di diritti, orari di lavoro insopportabili, lavoro nero fino ad arrivare ai casi limite di quanto accaduto a Soverato in cui una lavoratrice è stata picchiata dal datore di lavoro per aver chiesto quanto gli spettava".

"Si continuano a chiedere deregolamentazioni in settori in cui oggi i lavoratori sono ipersfruttati e, giustamente, si rifiutano di sottostare a condizioni inaccettabili - hanno aggiunto - servono controlli per estirpare lavoro nero e sfruttamento, serve un salario minino, serve una politica che cancelli la giunta di contratti che permettono di utilizzare i lavoratori come una merce da spremere in tutti i modi possibili. Confcommercio rilancia un pacchetto di proposte che respingiamo e che sono interne a una propaganda che da mesi viene portata avanti contro le lavoratrici e i lavoratori che chiedono salari, diritti e tutele".

"Siamo davanti a proposte in perfetta linea con il modello contenuto nel Decreto Concorrenza che provocherà nuovo precariato, compressione dei salari, perdita di diritti per lavoratori e lavoratrici - hanno concluso - pensiamo, quindi, vada rovesciato il paradigma bipartisan del neoliberismo che accomuna destre e centrosinistra con una proposta di reale alternativa". 


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati, aggiornati alle ultime 24 ore, emergono dal monitoraggio regionale che fa il punto sull'andamento dell'epidemia in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Attualità