Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:45 METEO:PISA16°22°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 26 settembre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Elezioni, c'è una novità e un solo vincitore: ora è il tempo della responsabilità

Politica domenica 24 luglio 2022 ore 15:15

"Ennesimo atto di militarizzazione del centro"

Palazzo Gambacorti a Pisa

Da Una Città in Comune arrivano critiche all'ordinanza che dispone la possibilità di chiusura di piazze e spazi per esigenze di salute pubblica



PISA — L'ordinanza sulla movida finisce nell'occhio del ciclone. A contestarne i fini e le modalità è il consigliere di minoranza Ciccio Auletta di Una Città in Comune.

"A partire dal 15 Luglio il sindaco ha decretato la cessazione delle attività commerciali di vendita alimentare e di alcolici nel centro storico dall'una di notte alle sei del mattino. Non solo: nell'ordinanza si prevede che in casi di eccessivo affollamento di piazze e spazi pubblici, al fine di tutelare la salute e l’incolumità delle persone, il personale delle forze di polizia in servizio ha la facoltà di procedere alla momentanea chiusura della piazza - ha spiegato - con la scusa della salvaguardia della salute pubblica, si fa passare l'ennesimo atto di militarizzazione del territorio".

"È evidente che il Covid non ha niente a che fare con questa decisione e che non è alcuna logica sanitaria a spingere il Comune a permettere alla polizia di chiudere le piazze a proprio piacimento - ha aggiunto - negli anni la repressione della socialità serale è stata progressivamente sempre più severa. In una città in cui gli spazi di aggregazione non esistono più e in cui ai giovani non vengono offerti luoghi e attività in cui incontrarsi e divertirsi liberamente, si decide per inasprire ulteriormente il controllo e l'oppressione".

"Sfruttare come pretesto il Covid per chiudere forzatamente spazi pubblici è inaccettabile - ha continuato - crediamo che, a maggior ragione a seguito di questi due anni di pandemia, abbiamo bisogno che gli spazi della nostra città vengano nuovamente attraversati da tutte e tutti, perché vogliamo che le piazze tornino ad essere ripopolate con la socialità che tradizionalmente ha accolto studentesse e studenti di tutta Italia".

"In questi anni abbiamo assistito a una vera e propria desertificazione da parte della amministrazione - ha concluso - quando servirebbe, invece, un Comune che promuova maggiori iniziative culturali, mettendo a disposizione nuovi luoghi di aggregazione, e che all'interno di quegli spazi di socialità spontanea, come le piazze, si incentivassero attività di consumo critico, di prevenzione e riduzione del danno".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Lutto per la scomparsa di Anna Di Milia Tongiorgi, Cavaliere della Repubblica Italiana e fino al 2021 presidente dell’associazione Non più Sola
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Politica

Cronaca

Cronaca