Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:00 METEO:PISA11°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Proseguono gli abbattimenti sulla A24, nel tratto Roma-L'Aquila: demolito anche il viadotto Le Pastena

Attualità venerdì 09 luglio 2021 ore 09:15

Rischio incendi, il prefetto scrive ai Comuni

Buone pratiche in materia di prevenzione: Castaldo si rivolge alle amministrazioni, alle forze di polizia e ai gestori di pubblici esercizi



PISA — Dal 1 Luglio in tutta la Toscana è scattato il divieto di accendere fuochi, provvedimento che coincide con il periodo a maggiore rischio per lo sviluppo e la propagazione di incendi boschivi.

Fino al 31 Agosto sarà infatti vietato l'abbruciamento di residui vegetali e qualsiasi accensione di fuochi, ad esclusione della cottura di cibi in bracieri e barbecue situati in abitazioni o pertinenze e all'interno di aree attrezzate.

Il prefetto Giuseppe Castaldo, ha inviato una nota alla Provincia, ai Comuni, alle forze di polizia, al comando dei vigili del fuoco e ai gestori dei pubblici servizi, ricordando le raccomandazioni in materia recentemente emanate dalla presidenza del consiglio dei Ministri.

"Tutti gli Enti  - si legge in una nota della prefettura- sono stati invitati ad attivare iniziative di previsione, prevenzione e di lotta attiva agli incendi, quali la pulizia e manutenzione del bosco, la riduzione del materiale combustibile, anche in prossimità delle reti viarie e ferroviarie, l’elaborazione di apposite pianificazioni d’emergenza per gli insediamenti turistici ubicati nei pressi di aree boschive. È stata evidenziata, inoltre, l’importanza dell’attivazione del Centro operativo provinciale antincendi boschivi Livorno-Pisa, operativo tutti i giorni dalle 8 alle 20, in grado di ricevere le segnalazioni e le richieste di intervento in caso di incendi".

"Gli incendi che si sono registrati negli ultimi anni nel territorio pisano, se da un lato hanno testimoniato lo straordinario impegno a tutti i livelli territoriali dei dispositivi di spegnimento del sistema di protezione civile, dall’altro hanno determinato la necessità – ha detto il prefetto Castaldo – di rafforzare progressivamente le strategie di previsione e di prevenzione, nonché i meccanismi di intervento da parte di tutti gli attori a vario titolo coinvolti nella gestione del fenomeno”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corteo organizzato dal comitato Porta Fiorentina e dall'associazione Sguardo di vicinato ha sfilato da via Cattaneo fino in zona stazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

CORONAVIRUS

Sport

Attualità