Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:33 METEO:PISA22°33°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 11 agosto 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Meloni si rivolge alla stampa estera in tre lingue: «No a svolta autoritaria, noi siamo democratici»

Attualità venerdì 10 giugno 2022 ore 18:04

"Ecco come gestiremo l'emergenza aule"

Il presidente della Provincia Massimiliano Angori fa il punto della situazione dopo la riunione del tavolo programmatico



PISA — "All'inizio del prossimo anno scolastico 2022/23 dovremo riuscire a gestire l'emergenza spazi nei plessi scolastici cittadini". Lo afferma, per mezzo di una nota, il presidente della Provincia Massimiliano Angori, che fa il punto dopo l'ultima riunione del Tavolo programmatico sull'edilizia scolastica che si è svolto martedì 7 Giugno all'Auditorium Maccarrone.

Al confronto erano presenti, insieme ad Angori, anche le consigliere provinciali Cristina Bibolotti e Antonietta Scognamiglio, rispettivamente con delega all'edilizia scolastica e alla programmazione scolastica.

"Il lavoro è assiduo - commenta Angori- ed è stato eseguito su più fronti anche negli ultimi mesi da parte del nostro Ente provinciale, sia andando avanti con il cronoprogramma delle lavorazioni nei plessi con gli interventi necessari, sia grazie alla collaborazione di tutti i dirigenti scolastici cittadini che hanno lavorato fianco a fianco con la struttura tecnica provinciale per l'ottimizzazione degli spazi generali a beneficio di quei plessi che più erano in sofferenza. Ad ogni modo le riunioni del Tavolo programmatico proseguiranno anche nei mesi estivi per giungere passo passo alla ripresa delle attività didattiche nella migliore delle condizioni possibili, ferma restando anche la messa a punto di eventuali nuovi protocolli antiCovid19 da parte del Governo in base a quella che sarà la situazione sanitaria".

La situazione prospettata dalla struttura tecnica provinciale prevede, per il Liceo Carducci, la messa a disposizione, a inizio del prossimo anno scolastico, di un’aula attraverso la realizzazione dei lavori di adeguamento funzionale dell’ex laboratorio di chimica, attualmente in corso.
Nel medio periodo, è in fase di attivazione l’incarico di progettazione:
1. per i lavori di adeguamento del locale della biblioteca, attualmente non utilizzata per problemi di areazione e illuminazione naturale, al fine del suo utilizzo come aula o comunque di come spazio ulteriore a disposizione della scuola che ne deciderà l'utilizzo;
2. per i lavori di adeguamento (areazione e climatizzazione) dell’aula magna che è utilizzata per le esercitazioni musicali;
3. per interventi di ampliamento e ridistribuzione degli spazi dell’atrio del piano terra per ricavare altre due/tre aule, attraverso l’avanzamento del prospetto dell’edificio, previo l’ottenimento dell’assenso della Soprintendenza.
Per la loro realizzazione, partendo dalla biblioteca, la Provincia prevede la consegna nel secondo quadrimestre dell'anno scolastico 2022-2023.

Per quanto riguarda l'Ex Perodi e l'ipotesi di uso in condivisione degli spazi tra Liceo Carducci e Cpia, "Gli incontri con il Comune di Pisa - scrive la Provincia -ad oggi non hanno portato a risultati soddisfacenti".

Con la collaborazione del dirigente scolastico, la Provincia, ha verificato la possibilità di utilizzare 4 aule delI'Istituto Da Vinci – Fascetti, mediante una riorganizzazione degli spazi, lo spostamento dell’ex biblioteca, di aule professori e altre stanze. "Proposta  - spiega l'ente- subordinata al parere del CdI".

Nel medio/lungo periodo la Provincia prevede di installare dei moduli prefabbricati nell’area di pertinenza dell’Istituto Da Vinci – Fascetti, utili sia per il Liceo Carducci che per lo stesso Iti Da Vinci, anche in previsione dei lavori di manutenzione previsti sul fabbricato principale di quest’ultimo. "Si attende la conclusione delle verifiche di fattibilità dal punto di vista edilizio-urbanistico, inclusi gli aspetti legati ai vincoli insistenti sull’area interessata,  - sottolinea la Provincia- per poter dare seguito all’incarico per lo sviluppo del progetto. L’istallazione del moduli e la ristrutturazione delle 4 aule non sono in alternativa e possono essere portate avanti entrambe. A maggior ragione nel caso che l’installazione dei moduli avesse delle problematiche insuperabili".

"La Provincia di Pisa infatti, pur in una situazione da decenni complessa e aggravata a livello di spazi, come tutti sappiamo, dall'emergenza sanitaria che ancora non può dirsi risolta, sta lavorando a 360 gradi con un ventaglio di soluzioni possibili da applicare in vista della partenza del prossimo anno scolastico - afferma la consigliera con Delega all'Edilizia Scolastica Cristina Bibolotti - È nostra intenzione infatti disporre di una serie di alternative praticabili in modo da cercare di riuscire a far fronte anche ad esigenze che si manifestino nelle settimane immediatamente precedenti alla ripresa delle attività didattiche. Per questo rimarremo in contatto assiduo con i Dirigenti Scolastici degli istituti cittadini e proseguiremo il lavoro anche di incontri interni, come fatto in questi ultimi mesi, motivo per cui abbiamo ritardato di qualche settimana la convocazione del Tavolo cittadino".

Per quanto concerne il Liceo Buonarroti, da Settembre 2022 saranno garantite 5 aule in più rispetto a quest’anno scolastico:
2 nuove aule e un locale di servizio nell’area attualmente utilizzata dagli uffici provinciali al Satellite. I lavori sono iniziati lo scorso 6 Giugno, contestualmente alla fine del trasloco, e si svolgeranno compatibilmente con le attività didattiche.
3 aule saranno ricavate nei locali dell’ex biblioteca d’istituto, ed in parte dall’ex biblioteca provinciale. I lavori inizieranno al termine di quelli del Satellite e si svolgeranno nel corso dell’estate.
Nel medio periodo si prevede di realizzare anche i lavori dell’impianto di aerazione forzata. La progettazione è stata consegnata il 9 Maggio scorso, e si sta predisponendo la documentazione per effettuare la gara di appalto, che consentirà di utilizzare un significativo numero di aule nell’edificio in uso all’Istituto Santoni, di cui beneficerà in parte anche il Liceo Buonarroti (3 aule). I lavori dovrebbero terminare entro il primo quadrimestre. 

E’ in corso inoltre la progettazione per i lavori di riqualificazione dei locali della ex biblioteca provinciale, dove si prevede di spostare gli attuali uffici di segreteria così da liberare le stanze per ricavarne altre due aule a disposizione del Liceo Buonarroti. "Avremo la progettazione esecutiva per la fine del mese di giugno 2022" scrivono dalla Provincia.

All'Istituto Santoni, i lavori sull’aerazione forzata consentiranno di ricavare e utilizzare nuove aule.

Poi c'è la questione del Liceo Dini, che, spiega la Provincia "Sulla base delle nuove iscrizioni ha bisogno di 6 aule grandi. Il Liceo Galilei ha confermato la disponibilità di 5 aule grandi al piano secondo e messo a disposizione una altra aula. Sono in corso le interlocuzioni con l’Istituto Galilei - Pacinotti per la loro definitiva individuazione. Le due scuole si sono impegnate a verificare la possibilità di trovare un accordo"

Per quanto riguarda il medio-lungo periodo "Le verifiche condotte con gli uffici comunali hanno escluso la possibilità dell’installazione di moduli prefabbricati sul piazzale retrostante l’edificio a causa della pericolosità idraulica dell’area interessata, risultante dalle cartografie del Piano Gestione Rischio Alluvioni. La strada percorribile - osserva la Provincia- è la realizzazione di una nuova palazzina con costi e tempi di realizzazione comunque di almeno 2 anni. Le due scuole hanno chiesto che sia dato l’incarico per lo studio di fattibilità per avere tutti gli elementi a disposizione per decidere in tal senso".

Al liceo artistico Russoli di Pisa "Il fabbisogno che emerge per il prossimo anno scolastico è senza dubbio la presenza di classi numerose che richiedono spazi adeguati. Le soluzioni da percorrere individuate nella riunione interna del 17 Maggio tra la struttura tecnica provinciale e la dirigenza scolastica  - sottolinea l'ente- sono tutte protese a rintracciare spazi grandi, in tempi accettabili, e come concordato con la Dirigenza scolastica che non vadano oltre la fine di Dicembre 2022".

"Un altro aspetto infatti fondamentale da prendere in esame, e che nel corso di questi mesi abbiamo fatto grazie all'assiduo confronto con gli uffici provinciali, è anche il numero dei nuovi iscritti che andranno ad impattare come di consueto su quelli che sono gli spazi a disposizione - aggiunge la consigliera Scognamiglio - Per noi come Provincia è infatti essenziale far fronte alle esigenze di tutti gli studenti e le studentesse nel miglior modo possibile, rispettandone in primis il diritto allo studio e il diritto all'inclusione anche per i soggetti più fragili. È stato sollevato, peraltro, da alcune scuole il numero elevato di studenti con disabilità, anche gravissima, che necessitano di spazi e di una programmazione della didattica inclusiva a cui la Provincia farà particolare attenzione".

Il lavoro della Provincia di Pisa proseguirà nelle prossime settimane, sia attraverso riunioni interne con i singoli Istituti e le loro componenti istituzionali, che con alcune convocazioni del Tavolo programmatico anche durante il periodo estivo.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Secondo Ciccio Auletta la ditta incaricata sarebbe stata oggetto di un’interdittiva antimafia da parte della Prefettura di Salerno
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Cronaca

Attualità