QUI quotidiano online. Registrazione Tribunale di Firenze n. 5935 del 27.09.2013
PISA
Oggi 24°29° 
Domani 25°29° 
Un anno fa? Clicca qui
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 27 giugno 2019

Cronaca martedì 30 gennaio 2018 ore 10:51

In un mese 4 furti, l'indignazione di una figlia

Ladri nel ristorante e nell'abitazione di un noto imprenditore pisano. La figlia, con una lettera su Facebook, si chiede dove sia lo Stato



PISA — Sono parole di frustrazione, smarrimento e indiganzione quelle che ha messo nero su bianco Elena Bibbiani, raccontando dei furti subiti dal padre in casa e al ristorante, nel centro di Pisa. Di seguito la sua lettera.

Caro Stato italiano,
ti scrivo perché sto vivendo una situazione insostenibile e non ho altre “armi” se non chiedere spiegazioni a te che, in quanto cittadina, dovresti tutelarmi, proteggermi, indicarmi soluzioni.
Dov'eri la mattina in cui è squillato il telefono di mio padre e gli hanno comunicato che avevano sfondato la vetrina del suo ristorante? È corso sul posto ed ha trovato il ristorante a soqquadro, hanno arraffato tutto quello che potevano.
Mi risponderai che può capitare dopotutto è impossibile presidiare tutto il territorio.
Quindi ti chiedo dov’eri quando il mese dopo è successo di nuovo?
Sai Stato, forse non consoci mio padre, è un uomo di 70 anni, un lavoratore, svolge la sua attività con passione da una vita, con febbre alta, malanni (non ricordo di averlo visto mai a casa per malattia, ma questo è un altro discorso) il ristorante è il suo gioiellino e diverse persone lavorano per lui, dunque andrebbe tutelato, non trovi? Potresti cercare delle soluzioni?
Forse risponderai che ci stai provando ma che alla fine può succedere.
E mio padre, preoccupato, ha cercato di affrontare la situazione e ha continuato a lavorare confidando in te.
Ma ti chiedo dove diavolo eri quel giorno in cui, dopo appena due settimane, sono entrati in casa dei miei genitori? Sai non era notte ma un pomeriggio qualunque. hanno rovistato dappertutto, svuotato cassetti, gettato mobili a terra, messo a soqquadro la casa. Hanno rubato tutto, valori materiali, i ricordi di una vita, i loro anelli di fidanzamento, l’anello che mio nonno regalò a mia mamma prima di morire, orologi, cose materiali che hanno un valore anche morale ma soprattutto hanno derubato i miei genitori del sonno e della serenità…
Dov'eri quando mio padre mi ha telefonato per dirmelo e questa volta non è riuscito a camuffare la voce, una voce rotta, distrutta, disarmata, disperata… Dov'eri?
Mi risponderai che sono venute le forze dell’ordine. È vero e, ci tengo a dirlo, sono stati molto disponibili, competenti e gentili. Ma credimi anche loro sono parsi disarmati… denuncianti una deriva che non ha fine. Perché se è solo furto e non rapina dopo poco sono di nuovo fuori…..
Sai caro stato, non sono tanto arrabbiata per tutto ciò che mi hanno sottratto o perché hanno frugato indisturbati nei miei vestiti, nelle mie foto, eppure ne avrei ben d’onde, ma sono infuriata per quello che stanno passando i miei genitori, non lo accetto. Non mi arrendo. Non posso essere felice che non fossero in casa perché sennò poteva andare peggio…
No, caro stato. Stai disattendendo il tuo compito, forse il principale, dare sicurezza ai cittadini.
A questo punto probabilmente mi risponderai che è vero non dovrebbe succedere,accampando scuse e dando finte speranze. Mi rassicurerai affermando che tu ci sei, sei presente.
Ebbene non ti credo più.
E ti chiedo dov’eri quando dopo appena due giorni dall’ultimo furto sono entrati di nuovo al ristorante? Questa volta hanno rotto un’altra vetrina.
Quattro furti in due mesi.
Ho chiamato mio padre che a fatica cercava di rialzare la testa ma ha ricevuto l’ennesima mazzata, e l’ho sentito disperato chiedermi: come facciamo???
Mi sono sentita impotente.
Te lo chiedo di nuovo. DOV'ERI?
E stavolta starai in silenzio, non accamperai scuse.
Cercherai una soluzione.
Perché mi devi una risposta.
Aspetto.



Tag

Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità