Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 17:00 METEO:PISA18°28°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 18 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Cercle d'Economia, Draghi: «Grazie a tutti, sto arrossendo»

Attualità domenica 21 marzo 2021 ore 08:00

Un "Albero della Legalità" in piazza Martiri

L'assessora Bonanno pianta l'Albero della Legalità

Piantumazione in memoria di Giuseppe Tallarita per la Giornata Nazionale della Memoria e dell'Impegno in ricordo delle vittime innocenti delle mafie



PISA — In vista del 21 Marzo 2021, Giornata della memoria di tutte le vittime innocenti delle mafie, nella giornata di venerdì si è svolta una cerimonia per sensibilizzare la cittadinanza sul tema della memoria e dell'impegno nella lotta contro la criminalità organizzata di stampo mafioso, iniziativa del Comune di Pisa in collaborazione con l’Associazione “Vedo, Sento-Parlo”, costituita in memoria di Giuseppe Tallarita, vittima della mafia. In suo ricordo è stato piantumato in piazza Martiri della Libertà, dall’assessore con delega alla cultura della legalità Giovanna Bonanno, l’Albero della legalità ed è stata inaugurata una targa posta accanto al platano, dedicata alla memoria di tutte le vittime innocenti di mafia. L’albero e la targa sono stati addobbati con i disegni dei bambini delle scuole cittadine che hanno partecipato al progetto.

All’iniziativa hanno partecipato, oltre agli assessori del Comune Giovanna Bonanno e Sandra Munno, il Questore di Pisa Gaetano Bonaccorso, il viceprefetto Nicola De Stefano, il comandante dei Carabinieri Generale Duranti, i Col. Franzese e Magg. Anedda della Guardia di Finanza, Alberto Messerini Comandante Polizia Municipale, Alessandro Gennai presidente del Consiglio Comunale insieme ai consiglieri Giovanni Pasqualino e Marcello Lazzeri, una rappresentate del Consiglio Provinciale, Giovanni Pagano dell’Associazione Libera. Alla cerimonia ha portato la propria testimonianza Rosy Tallarita, nipote di Giuseppe, ucciso per mano mafiosa.

“Il 21 Marzo – ha ricordato l’assessore alla legalità Giovanna Bonanno - vuole essere un momento di riflessione, approfondimento e incontro, in onore di tutte le vittime innocenti delle mafie, di tutte quelle persone che hanno pagato con la vita il prezzo della giustizia e della legalità. In questa giornata la nostra Amministrazione vuole essere presente per diffondere e sensibilizzare alla cultura della legalità e dell’impegno contro la criminalità organizzata di stampo mafioso, ponendo al centro della riflessione collettiva il tema del ricordo e il diritto fondamentale e primario della verità, che appartiene ai familiari delle vittime, ma anche a tutto noi. Abbiamo voluto condividere il percorso intrapreso dall’Associazione “Vedo, sento, parlo” che vede nella piantumazione dell’albero e nell’apposizione della targa in memoria di Giuseppe Tallarita elementi fondamentali per costituire in città luoghi di memoria e di rinnovato impegno tra istituzioni e società intera per una collaborazione nel contrasto alla criminalità organizzata”.

“E’ di fondamentale importanza – ha detto l’assessore alle politiche educative Sandra Munno - affrontare l’argomento della legalità con i ragazzi delle scuole, tema difficile e delicato in cui le istituzioni scolastiche hanno il dovere di non lasciare sole le famiglie. Per questo abbiamo coinvolto tutte le scuole cittadine a partecipare simbolicamente a questo progetto. Le scuole hanno accolto con entusiasmo l’iniziativa e ci hanno consegnato gli elaborati grafici e letterari di cui solo alcuni abbiamo potuto appendere all’albero, ma di tutti faremo tesoro e creeremo occasioni per mostrarli”.

“Anche qui nella nostra città, soprattutto in questo periodo di pandemia – ha aggiunto il presidente del Consiglio Comunale Alessando Gennai - occorre da parte delle istituzioni cittadine, delle associazioni, dei cittadini un nuovo impegno perché le infiltrazioni mafiose e criminale siano sconfitte. Lo dobbiamo alle tante persone oneste che si sono battute contro le mafie e per la cultura della legalità. Lo dobbiamo, in particolar modo, alle giovani generazioni”.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il bimbo, di 8 anni, tolto alla madre su disposizione del Tribunale. Per la Casa della Donna è "assurdo e inaccettabile". Il caso anche in Parlamento
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Politica

Attualità

Cronaca

Attualità