Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 20:30 METEO:PISA18°27°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 16 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Nubifragio a Malpensa: automobilisti intrappolati, salvati dai vigili del fuoco con i gommoni

Attualità mercoledì 12 agosto 2020 ore 18:51

Vietato sedersi su gradini e monumenti

Il sindaco Michele Conti

Il 17 agosto entra in vigore una nuova ordinanza per il decoro urbano. Il Comune chiede lo sgombero degli immobili occupati in corte Sanac



PISA — Il sindaco Michele Conti ha firmato stamattina un’ordinanza in materia di decoro e contrasto al degrado urbano nel centro storico. Lo rende noto il Comune.

La disposizione, in vigore dal 17 agosto fino al 31 dicembre, prevede il divieto “di sedersi, sdraiarsi o dormire sul suolo pubblico o nelle aree ad uso pubblico o aperte al pubblico passaggio, sui gradini dei piedistalli della statue e dei monumenti, sulle soglie, sulle pavimentazioni, sui muretti, sui gradini posti all’esterno degli edifici pubblici e privati purché attestanti su area pubblica o soggetta al pubblico transito, sugli spazi verdi, sugli arredi urbani (comprese le rastrelliere per le biciclette). È vietato altresì sdraiarsi e dormire sulle panchine pubbliche ovvero bivaccare nelle aree pubbliche ed in quelle soggette a uso pubblico o a pubblico passaggio”.

"L’ordinanza si è resa necessaria – spiega il sindaco Michele Conti – a seguito di sopralluoghi ed interventi della Polizia Municipale che hanno accertato, sia nel Centro Storico cittadino che in ampie zone del Litorale, la presenza di fenomeni che contrastano col decoro e la vivibilità urbana, come l’occupazione impropria di spazi pubblici e privati, di beni monumentali e di arredi urbani. Tali condotte, oltre che contrarie al pubblico decoro, costituiscono di fatto un impedimento alla accessibilità per gli altri cittadini ed utilizzatori (studenti, turisti, pendolari, fruitori della città) di spazi pubblici e privati, con pregiudizio della libera fruibilità da parte di tutti o dei legittimi proprietari e della vivibilità urbana nel suo complesso. L’ordinanza si aggiunge alle misure di potenziamento del presidio del territorio da parte della Polizia Municipale disposte qualche giorno fa e alle richieste di intensificazione dei controlli alle altre forze di polizia della città, fatte nelle sedi opportune anche in questi ultimi giorni".

"C’è bisogno di una stretta sul controllo del territorio – conclude Conti –, richiesta a gran voce da cittadini residenti e dai commercianti del nostro territorio. Istanze che ho portato stamani nel Comitato per l’ordine e la sicurezza convocato in Prefettura dove, insieme all’assessore Giovanna Bonanno, siamo tornati a chiedere lo sgombero degli immobili occupati in corte Sanac, una presenza maggiormente distribuita sul territorio dei militari impiegati nel progetto “strade sicure” e un’accelerazione sulle espulsioni di soggetti pregiudicati o che reiterano reati sul nostro territorio".

L’ordinanza antidegrado sarà in vigore nel perimetro circoscritto dalle seguenti vie e piazze del territorio comunale di Pisa:

Zona Pisa Sud - Piazza della Stazione; via Alfredo Catalani; via Cesare Battisti (fino a Piazzale Carlo Alberto della Chiesa); Rotonda dell’Ordine di Santo Stefano; via Silvio Pellico; largo Padri della Costituzione; Piazza Sant’Antonio; via Giuseppe Mazzini (da Piazza Sant’Antonio a via Riccardo Zandonai); via Riccardo Zandonai; piazza Vittorio Emanuele II; via Massimo D’Azeglio; via Giuseppe Mazzini; Lungarno Gambacorti (da via Giuseppe Mazzini a Ponte di Mezzo); Lungarno Galileo Galilei (da Ponte di Mezzo a Piazza San Sepolcro); Piazza san Sepolcro; via Flaminio Del Borgo; via San Martino (da via Flaminio del Borgo a via Pietro Gori); via Pietro Gori; via del Carmine (da via Pietro Gori a via Filippo Turati); via Filippo Turati; via Battista Queirolo; via Francesco Bonaini (da via Cristoforo Colombo a via Gianbattista Queirolo) via Cristoforo Colombo; via Corridoni (da Cristoforo Colombo a Piazza della Stazione).

Si intendono compresi anche i loggiati e le Gallerie A e B di viale Gramsci, i loggiati della Stazione Centrale, del Palazzo ex Amministrazione Provinciale, delle Poste Italiane, della Camera di Commercio, la piazza antistante al murale di Haring.

Zona Pisa Nord - Ponte di Mezzo; Lungarno Pacinotti (da Ponte di Mezzo a Piazza Francesco Carrara); Piazza Francesco Carrara; via Collegio Ricci; Piazza Dante Alighieri; via Pasquale Paoli; via della Faggiola; Piazza Arcivescovado Piazza del Duomo; via Cardinale Pietro Maffi; Largo Parlascio; via Carlo Fedeli; via Santa Caterina; Piazza Martiri della Libertà; via Renato Fucini; Piazza San Paolo All’Orto; via Giuseppe Verdi; via Palestro (da via Giuseppe Verdi a via Camillo Benso Cavour); via Camillo Benso Cavour; Piazza Cairoli; Lungarno Mediceo (da Piazza Cairoli a Ponte di Mezzo).

Si intendono comprese anche le gradinate della Chiesa e dei palazzi posti in piazza dei Cavalieri.

Zona Litorale

Marina di Pisa - Viale D’Annunzio (dalla rotatoria di via Ceccherini); Viale D’Annunzio (fino a ingresso Porto); Via Ceccherini; Via Barbolani; Via della Sirenetta; Via Corsani; Via Curzolari; Piazza Viviani; Via Crosio; Via Maiorca; Piazza delle Baleari; Via della Repubblica Pisana; Piazza della Gorgona; Piazza Sardegna; Via Padre Agostino da Montefeltro; Via Ivizza; Via Arnino; Via Litoranea

Tirrenia - Via Bigattiera (lato mare); Viale del Tirreno; Via Pisorno; Via degli Ontani; Via San Guido; Via dei Pioppi; Via delle Abetelle; Via delle Ginestre (da via Pisorno a via San Guido); Via del Bossolo; Via delle Eriche (da via Pisorno a via del Bossolo); Via dell’Edera; Via Biancospini; Vione Vannini

Calambrone - Viale del Tirreno; Via dei Giacinti; Via Aiazzi; Via dei Frassini; Via dei Tulipani; Via delle Magnolie; Via dei Porcari; Via dei Platani; Via delle Mimose; Via De Andrè; Via delle Gardenie; Via della Cornacchiaia.

I titolari degli esercizi commerciali che si trovano all'interno di queste zone dovranno esporre in vetrina, e comunque in maniera ben visibile dal pubblico all’esterno, l’avviso recante i divieti che sarà loro consegnato dall’amministrazione comunale.

L’inosservanza dei precetti comporta una sanzione amministrativa pecuniaria tra i 25 e i 500 euro.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Tragica scoperta dei vigili del fuoco e polizia, intervenuti su segnalazione di alcune persone che da giorni non vedevano più l'anziana vicina
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Spettacoli

Attualità

CORONAVIRUS

Cronaca