Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:00 METEO:PISA14°23°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 06 ottobre 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Dentro la prima linea di Kherson, tra carri armati distrutti, morti e russi in fuga

Attualità venerdì 28 novembre 2014 ore 18:15

Agricoltura sociale, nasce il punto vendita

Negli ultimi due anni oltre 40 persone ad alta marginalità, grazie al lavoro nei campi, hanno intrapreso un percorso di reinserimento nella società



PISA — Taglio del nastro alla Coop di Porta a Mare. La presidente della Società della Salute Pisana Sandra Capuzzi, il direttore della Società della Salute Pisana Giuseppe Cecchi e Paolo Cantoresi, coordinatore agricoltura sociale ASL5, hanno inaugurato il punto vendita di agricoltura sociale.

Radicchio, cicoria, bietola, porri, fagioli, zuppa di verdure, miele: da oggi chi lo vorrà potrà acquistare direttamente verdure biologiche che aggiungono al buon sapore un buon modo di produrre. I prodotti sono infatti il frutto del lavoro di agricoltori e persone a rischio marginalità (senza fissa dimora, minori, disabili, persone con autismo, ex-tossicodipendenti, ex-detenuti), che grazie all’agricoltura compiono percorsi di riabilitazione e di inserimento lavorativo per ripartire dopo un momento difficile. Una percentuale del ricavo dalla vendita viene destinato a sostenere nuovi inserimenti lavorativi e terapeutici valorizzando così il ruolo dei consumatori.

L’agricoltura sociale coinvolge a Pisa aziende agricole, soggetti del terzo settore, servizi sociali e sanitari, servizi per le pene alternative al carcere del ministero di Giustizia, le Società della Salute e la Azienda USL5, in percorsi di provata efficacia sotto il profilo terapeutico e dell’inclusione lavorativa e sociale. La sensibilità di UniCoop Firenze e il contributo Fondamentale della Sezioni Soci hanno reso possibile la realizzazione di questo esperimento alla Coop di Porta a Mare che si avvierà per il fresco con il progetto pisano di Orti Etici. Presente da anni nell’area di San Piero a Grado sui terreni dell’Università di Pisa, Orti Etici, è frutto della collaborazione tra la Società della Salute Pisana e un gruppo di partner che comprende l’Ateneo Pisano, il Centro di Ricerche Agro Alimentari “E. Avanzi”, il dipartimento di Scienze Veterinarie, l’azienda agricola Bio Colombini, la Cooperativa Sociale Ponteverde e la Cooperativa sociale Arnèra. Con più di 40 inserimenti nel corso degli ultimi 2 anni e un lavoro costante con i servizi sociali, sanitari.

E non è finita qui: nel pisano ci sono anche altre aziende, cooperative e associazioni che, riunite nel tavolo dell’agricoltura sociale pisana, stanno sperimentando percorsi che coinvolgono minori, persone con autismo, disabili e persone senza dimora come negli Orti Sociali del quartiere Cep. Questo momento di inaugurazione è il risultato di un lavoro collettivo tra il territorio Pisano quello della Valdera e quello dell’Alta Val di Cecina che cooperano e si confrontano costantemente scambiandosi buone prassi e buone idee.


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati, aggiornati alle ultime 24 ore, emergono dal monitoraggio regionale che fa il punto sull'andamento dell'epidemia in Toscana
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicolò Stella

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Attualità