Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:25 METEO:PISA9°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 30 novembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Firenze, assalti con esplosivo agli sportelli bancomat: ecco come agivano

Cronaca venerdì 21 febbraio 2014 ore 15:27

Bambini con problemi al palato, l'assistenza a Pisa

Inaugurato il percorso assistenziale dell'Azienda ospedaliero universitaria pisana



PISA — Inaugurato il Percorso assistenziale integrato per la cura della labiopalatoschisi. Il progetto attivato all’ospedale Santa Chiara di Pisa, è nato grazie alla collaborazione tra l’Azienda universitaria ospedaliera pisana e Aismel.

Il programma prevede un team di specialisti coadiuvati da Gian Luca Gatti, che si occupa dei bambini affetti da questa patologia, seguendoli dalla diagnosi alla riabilitazione e che offre alle famiglie un ambulatorio multidisciplinare dove ricevere tutte le informazioni di cui hanno bisogno, anche prima della nascita dei piccoli pazienti.

Un percorso, spiega il direttore generale dell’Aoup Carlo Tommasini “che opera in un ambito molto delicato, che investe una sensibilità particolare e che segna un importante passo in avanti per il trattamento della labiopalatoschisi”.

Questa patologia consiste in una malformazione congenita, la più comune in Italia, che interessa il labbro superiore e il palato del neonato e il cui trattamento primario è quello chirurgico.

Grazie all’affidabilità delle tecniche e alla preparazione del personale, i rischi connessi all’interventi, sia per la durata della degenza che per le complicazioni, sono ridotte al minimo minimo: nel 2013 la degenza media è stata di 4 giorni, mentre il tasso di complicazioni, peraltro tutte risolte, è stato dello 0,25%.

Solo a Pisa, negli ultimi 5 anni sono stati effettuati oltre 800 interventi per questa patologia, 252 nel 2013 e gli ambulatori hanno ricevuto 700 visite annuali di cui il 90% da parte di pazienti provenienti da fuori Regione.

Si tratta di notevoli traguardi ai quali adesso si aggiunge anche questo progetto che, spiega l'Aismel "non deve essere concepito come un punto di arrivo, ma come l’inizio di un lungo percorso informativo e assistenziale”.
Anche l'Agbalt di Pisa, l'Associazione genitori di bambini affetti da leucemia e tumori svolge un ruolo fondamentale mettendo a disposizione, ove necessario, i propri alloggi per piccoli e genitori per tutta la durata del periodo "ospedaliero".

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati aggiornati fotografano le ultime ventiquattro ore sul fronte epidemico. Aumentano i ricoveri nelle aree Covid di Cisanello e Santa Chiara
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Sergio Cenci

Lunedì 29 Novembre 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

CORONAVIRUS

Attualità