Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 21:08 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
mercoledì 19 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Scuola, Bianchi: «Il 93,4% delle classi è in presenza»

Politica lunedì 11 gennaio 2021 ore 09:50

Case popolari, botta e risposta Ceccardi-Betti

Michelangelo Betti, Susanna Ceccardi

L'ex sindaca attivissima sui social: dall'assalto a Capitol Hill alla politica cascinese commenta tutto ma non racconta l'attività di europarlamentare



CASCINA — Con l'annuncio della nuova giunta cascinese di una revisione in corso del regolamento per l'assegnazione delle case popolari ("Alloggi Erp senza le clausole discriminatorie"), l'ex sindaca Susanna Ceccardi si è sentita chiamata in causa. 

"Prima gli italiani? Non più - ha commentato sul suo profilo Facebook -. La giunta di sinistra a Cascina getta la maschera. Cancellando i nostri regolamenti sulle assegnazioni delle case popolari che avevano fatto scuola in tutta Italia e sono poi stati adottati da molti comuni di centrodestra vedremo tornare nelle graduatorie delle case popolari il 70% di stranieri contro un 30% di italiani. È pazzesco che si dica che il comune farà successivamente controlli sulla veridicità delle domande perché è impossibile. L'unico modo per fare controlli seri è chiedere allo straniero la certificazione patrimoniale in originale dello stato di provenienza in fase preventiva all'assegnazione. Se hai la casa all'estero non hai diritto ad avere una casa qua. È un criterio sacrosanto di giustizia ed equità". 

"La sinistra non è giusta, è ideologica - ha aggiunto l'ex sindaca della Lega Salvini Premier -. Vorrei proprio sapere che cosa diranno a quegli italiani che dopo anni finalmente sono entrati in graduatoria grazie ai nostri regolamenti e ora si vedranno scavalcati da stranieri grazie al regolamento della sinistra. Vergogna Pd, vergogna!!!".

La replica del sindaco Michelangelo Betti alla sua predecessora, ora eurodeputata, non si è fatta attendere. "Non abbiamo vinto per fare come i leghisti - ha scritto il primo cittadino -. Ravvedo un encomiabile coraggio nei leghisti, a Cascina e in Europa. Son passati circa tre mesi da una sconfitta che ha spazzato via l’idea che esistesse un “Modello Cascina” di marca ceccardiana, gli elettori hanno cancellato un’esperienza amministrativa che hanno ritenuto fallimentare e Susanna Ceccardi, protagonista di quella stagione, torna inaspettatamente a dedicarsi a Cascina. A chiacchiere, come al solito, e senza approfondire, come al solito".

"Vorrei solo introdurre due quesiti per l’eurodeputata - ha proseguito il sindaco Betti -. Si mostra scandalizzata per le previsioni di modifica dei regolamenti, ma ritiene pensabile che il centrosinistra, che ha sfiorato il 60% al voto di ottobre, si metta alla guida dell’amministrazione di Cascina per proseguire le politiche della Lega? Sostiene di aver fatto scuola in tutta Italia, ma non si è accorta di quanto questa “scuola” sia stata smontata dalla legge? Viene comunque il dubbio che dopo la batosta elettorale regionale sia soprattutto in cerca di nuove battaglie per una visibilità in declino. In questo caso però non pare aver neppure approfondito la lettura della notizia. Nell’arco del 2021 l’amministrazione comunale cascinese prevede di modificare i regolamenti in materia di assegnazione di alloggi di edilizia residenziale pubblica, da un lato seguendo la legge e cercando di evitare ricorsi, dall’altro cercando di eliminare la disparità di trattamento tra cittadini in stato di bisogno. Al momento non abbiamo ancora redatto il regolamento, ma linea operativa è presente nel programma di mandato del centrosinistra. Riteniamo che sulle case popolari l’amministrazione di destra abbia fomentato ad arte una guerra tra poveri con lo slogan “Prima di italiani”. La legge della Regione Toscana dice invece “prima chi ha diritto” e dà tutti gli strumenti per controllare che gli assegnatari delle case popolari non abbiano altri immobili di proprietà e che rientrino nei limiti di reddito previsti: vale per tutti".

"Si tratta di lavorare per amministrare il Comune - ha concluso il sindaco di Cascina -, un aspetto che non è parso il punto di forza dei tre anni da sindaca di Ceccardi. In ogni caso spero che queste informazioni arrivino anche alla senatrice aretina Tiziana Nisini, che pare molto interessata all’amministrazione cascinese".

Betti si dice sorpreso che Ceccardi torni ad occuparsi della politica cascinese ma, a ben guardare la sua pagina Facebook, negli ultimi giorni l'eurodeputata leghista commenta un po' di tutto, tranne le attività del parlamento di Bruxelles. Principalmente scrive post sulla politica italiana ma non mancano opinioni sulla Cina e sui fatti di Capitol Hill. Su questi ultimi ben due i post di Ceccardi, che alleghiamo, molto commentati e criticati.


I morti in America 🇺🇸 dopo gli scontri sono ben 4. Tutti sostenitori di Trump. Si fosse trattato al contrario di una...

Pubblicato da Susanna Ceccardi su Giovedì 7 gennaio 2021

Sia ben chiaro, io condanno sempre la violenza. Nella mia vita ho partecipato a decine di manifestazioni e sempre in...

Pubblicato da Susanna Ceccardi su Venerdì 8 gennaio 2021

Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
L'incidente è avvenuto a Navacchio. Il motociclista, sbalzato dal mezzo, è finito prima contro il guard-rail e poi nella scarpata a bordo strada
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Ciro Vestita

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Attualità

Politica