Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:25 METEO:PISA11°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
venerdì 03 dicembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Col braccio in silicone a fare il vaccino, l'infermiera: «L'ha definito un costume di scena»

Attualità martedì 19 gennaio 2021 ore 12:00

"Bene la Tramvia ma il progetto è da rivedere"

"La città ecologica" plaude per la consegna del progetto ma chiede che sia rivisto, considerando uno sviluppo di linee ferrotramviarie di Area Vasta



PISA — "Dopo 24 anni si riapre oggi una prospettiva tranviaria per la città. Non possiamo che esserne contenti e considerarla anche come una vittoria di chi come noi ha sempre sostenuto che solo con un servizio tranviario è possibile ridurre drasticamente il numero di auto in circolazione in città e nell’Area Vasta" scrivono dall'associazione "La città ecologica" sul pprogetto di tramvia Stazione-Cisanello, presentato nei giorni scorsi dal Comune di Pisa al Ministero delle infrastrutture e trasporti dopo il finanziamento perso negli anni '90 per la cosiddetta "circolare dei lungarni" collegata alla ferrovia.

Ma, detto questo, per l'associazione ecologista il progetto è da rivedere, considerati i "molti limiti che abbiamo da tempo evidenziato trovando però l’Amministrazione Comunale sorda ed indisponibile a qualsiasi confronto". In particolare, da "La città ecologica" giudicano "errato non inquadrare la linea proposta in un quadro più ampio e di più lungo periodo, quindi non inquadrarla come solo la prima di una rete di linee tranviarie cittadine e di Area Vasta. Quindi in un’ottica di Area Vasta occorreva proporre collegamenti ferrotranviari, usando le linee ferroviarie esistenti e/o potenziate, con Livorno, Cascina-Pontedera, Collesalvetti, Lucca, Viareggio, attraverso la tecnologia del Tram-Treno".

In sostanza, il percorso della linea di progetto Stazione-Cisanello non è in grado, a parere de "La città ecologica" di rispondere pienamente ai bisogni di mobilità dei cittadini avendo uno sviluppo troppo esterno al centro storico, l’area cittadina origine/destinazione della maggior numero degli spostamenti. 

"L’ostinazione nel non aver voluto neanche prendere in considerazione il passaggio di questa prima linea dai lungarni è incomprensibile - concludono dall'associazione -. È indispensabile avviare da subito lo studio di fattibilità di una derivazione della Linea per la quale si chiede il finanziamento che, attraversando i Lungarni, torni alla Stazione Centrale. Le opzioni appena dette, come pure l’adozione di un Pums dell’intera Area Funzionale Urbana di Pisa e non del solo comune, avrebbero secondo noi dato più forza alla richiesta dei finanziamenti al Mit. Molti limiti quindi. Ora però non è il momento di recriminare. È il momento di “tifare” per il progetto presentato e auspicare che si possa finalmente iniziare a percorrere anche a Pisa la strada del Tram. In questi anni il Mit ha spesso imposto prescrizioni migliorative ai progetti dei Comuni prima di approvarli. Speriamo sia il nostro caso".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il bollettino sanitario fotografa la situazione sul fronte epidemico. Ecco la distribuzione delle nuove positività in provincia di Pisa
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Federica Giusti

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

CORONAVIRUS

Cronaca

Attualità

Cronaca