Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 19:47 METEO:PISA19°27°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
giovedì 24 giugno 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Ddl Zan-Vaticano, Draghi: «Questo è uno Stato laico, non uno Stato confessionale»

Cultura venerdì 14 settembre 2018 ore 11:44

Pisa celebra le ceramiche di Calcinaia e Montopoli

Decoratori dell'antica manifattura Milani

Al centro espositivo Sms, dove è in svolgimento l'esposizione "Pisa città della ceramica", l'incontro con Antonio Alberti e Monica Baldassarri



PISA — Doppio appuntamento al Centro Espositivo Sms lungo le Piagge dove ieri Antonio Alberti, direttore del Museo della ceramica “Lodovico Coccapani” di Calcinaia, e Monica Baldassarri, direttrice del Museo civico di Montopoli, hanno raccontato ad un interessato pubblico Calcinaia e Montopoli: due poli produttivi di ceramica tra il tardo Rinascimento e il primo Novecento”. 

Si tratta del secondo appuntamento di settembre targato “Pisa Città della Ceramica” che dal primo del mese ha riaperto i battenti con orario regolare (martedì e giovedì ore 9-13 e 15-17; mercoledì e venerdì ore 9-13; sabato e domenica ore 10-13 e 15-18) e propone speciali visite guidate nei fine settimana (venerdì ore 11; sabato e domenica ore 11 e 17, solo su prenotazione).

Due grandi tradizioni produttive che si incontrano e si raccontano a Pisa, ancora una volta epicentro culturale con la mostra-evento “Pisa Città della Ceramica” che proseguirà fino al 5 novembre al Centro Sms, a Palazzo Blu, al Museo di San Matteo, alla Camera di Commercio e con percorsi guidati sul territorio: una mostra diffusa che percorre mille anni di storia, tra artigianato e commerci, attraverso le sue eccellenze.

Calcinaia e Montopoli in Val d'Arno, sebbene con modalità, protagonisti e produzioni assai diverse, sono state aree nelle quali si è prodotta ceramica almeno a partire dal tardo Rinascimento, fino a tutta la prima metà del Novecento.

Antonio Alberti ha presentato il caso delle fornaci di Montecchio e di Calcinaia, evidenziando lo straordinario ruolo della famiglia di ceramisti Coccapani, che ha condotto le fornaci nella grangia certosina di Montecchio tra XVII e inizi XVIII secolo, per poi trasferirsi e continuare le proprie attività nel centro storico di Calcinaia, collocando il proprio atelier a ridosso di una delle torri del castello medievale, ancora oggi in buona parte preservato e visitabile all'interno del museo della ceramica.

Monica Baldassarri, invece, ha parlato delle produzioni di vasellame di mensa del XVII secolo, evidenziate dalle fonti archeologiche nell'area di Casteldelbosco e della tradizione della ceramica ingobbiata, ripresa e sviluppata a Montopoli agli inizi del Novecento da Dante Milani, uno dei protagonisti di maggior successo del revival mondiale, di recente riscoperto grazie alle ricerche e alle attività di esposizione del museo civico.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
C'è tempo fino al 30 giugno per presentare le domande alla selezione. Si tratta di assunzioni a tempo determinato, di categoria C
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze

Qui Condoglianze - Elenco necrologi

Enzo Dini

Domenica 20 Giugno 2021
Onoranze funebri
BIASCI Lorenzana Collesalvetti Casciana Terme
Onoranze Funebri


Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Attualità

Attualità

Lavoro