Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:00 METEO:PISA14°26°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 17 maggio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Azovtsal, il momento in cui i combattenti ucraini lasciano l'acciaieria dopo il lungo assedio

Attualità mercoledì 20 ottobre 2021 ore 08:18

Non è una pista ciclabile, è una "bike lane"

La "bike lane" in via Montanelli

Lavori in corso per realizzare la segnaletica orizzontale di una corsia per biciclette nei quartieri San Marco e San Giusto. Il Comune spiega cosa è



PISA — Sono in corso in questi giorni i lavori per realizzare delle nuove corsie ciclabili che collegheranno il sottopasso ferroviario di San Giusto al cavalcavia di Sant’Ermete, lungo un tratto di strada di circa 1,5 km. I lavori riguardano via dei Cappuccini, via Sant’Agostino, via Montanelli, via San Marco e via Da Morrona. L’intervento è stato richiesto a Luglio scorso dalla Consulta della bicicletta ma non mancano alcune perplessità - nonché ironie sui social - fra residenti, ciclisti e automobilisti dei quartieri San Marco e San Giusto.

Il Comune di Pisa spiega che quanto appena realizzato in via Montanelli, ad esempio, è una "bike lane" e non una pista ciclabile.

"Conosciute anche come “bike lane” le corsie ciclabili, già comparse in molte grandi città italiane, sono più strette rispetto alle “normali” piste ciclabili e, rispetto a quest’ultime, senza protezione - hanno spiegato da Palazzo Gambacorti -: sono destinate alla circolazione delle bici ma possono essere utilizzate anche dagli altri veicoli e per questo sono delimitate da una linea discontinua. A Pisa, oltre a via Montanelli, è stata già realizzata un'altra corsia ciclabile a Marina di Pisa, lungo via Barbolani, al termine della Ciclopista del Trammino".

"Si tratta di una novità normativa prevista dal nuovo Codice della Strada – ha puntualizzato l’assessore alla mobilità, Massimo Dringoli – che prevede la possibilità di istituire, nelle strade troppo strette per realizzare delle vere e proprie piste ciclabili, le cosiddette corsie ciclabili, con l’obiettivo di incentivare modalità di spostamento a basso impatto e alternative al trasporto pubblico e all’auto. Hanno un valore di segnaletica per i ciclisti e, in particolare, per le auto che in questo modo sono avvertite della possibile presenza di bici in transito e obbligate a dare loro la precedenza". 

"Laddove non è possibile realizzare piste ciclabili protette, a causa della mancanza di spazio sulla sede stradale - ha commentato l'assessore -, le corsie ciclabili rappresentano comunque un’opportunità per favorire l’utilizzo della bicicletta e migliorare la sicurezza dei ciclisti. Per la nostra amministrazione promuovere una mobilità sostenibile è una vera priorità, come dimostrano i numerosi interventi realizzati in questi anni per estendere la rete ciclopedonale del nostro territorio".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il bollettino sanitario aggiornato alle ultime 24 ore monitora l'andamento dell'epidemia. In toscana 573 nuove positività
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Salvatore Calleri

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Sport

Attualità

Attualità

Cronaca