Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 16:30 METEO:PISA8°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
lunedì 06 febbraio 2023
Tutti i titoli:
corriere tv
Il crollo degli edifici ore dopo il sisma in Turchia: i video ripresi con gli smartphone

Attualità martedì 22 novembre 2022 ore 14:30

Una carrozzina per valorizzare la cultura

Da sinistra: prof. Francesco Bucchi, Dario Mondini, prof. Fanucci

Dall'Università di Pisa e dal Comune di Capannori un impegno condiviso per IR-Access, il dispositivo per garantire l'accesso nei luoghi di cultura



PISA — Una carrozzina speciale, che anziché utilizzare la spinta a mano dispone di un motore che permette di percorrere anche terreni accidentati.

Si chiama IR-Access ed è un dispositivo nato nell'ambito del progetto transfrontaliero tra Italia e Francia che ha l'obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale romanico diffuso tra Corsica, Provenza e Costa Azzurra, Liguria, Sardegna e, appunto, Toscana. Proprio per questo, la carrozzina IR-Access servirà proprio per poter garantire alle persone con mobilità ridotta l’accesso a siti archeologici.

"Il dispositivo per la motorizzazione di carrozzine può essere dato in dotazione a strutture di interesse turistico - ha spiegato Francesco Bucchi, docente di Progettazione meccanica e costruzione di macchine al Dipartimento di Ingegneria civile e industriale dell’Università di Pisa - il montaggio non prevede modifiche permanenti alla carrozzina, ma avviene mediante dei semplici morsetti e il comando dei motori avviene attraverso un joystick che permette avanzamento, retromarcia e curve".

Il prototipo di IR-Access

L'attività è nata nel 2020 grazie all’iniziativa dell'amministrazione di Capannori, in provincia di Lucca. Assieme ai due Dipartimenti, il Comune si sta muovendo per tentare di coinvolgere aziende disposte a seguire la fase di ingegnerizzazione e produzione. "Il progetto ha riservato grande spazio al tema dell’accessibilità - ha commentato l'assessore Francesco Cecchetti - sicuramente ci sarà un seguito progettuale e di collaborazione con l'Università di Pisa. L'obiettivo è arrivare a un suo utilizzo generalizzato, sia da parte delle istituzioni, per rendere accessibili i luoghi della cultura, sia anche da parte di strutture turistiche private e di singoli cittadini che ne faranno richiesta".

"La soluzione proposta permette alla persona con disabilità di affrontare anche percorsi in leggera salita - ha concluso Luca Fanucci, docente di Elettronica al Dipartimento di Ingegneria dell’Informazione e delegato per l’inclusione di studenti e personale con disabilità - infatti, grazie alla motorizzazione delle ruote posteriori della carrozzina, la capacità di trazione aumenta sensibilmente. Inoltre, l'aggiunta di una terza ruota anteriore, non motorizzata e autosterzante, permette di affrontare percorsi non regolari, come ghiaia e sabbia".


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Addio a Renato Bacconi, segretario generale dal 1981 al 1990. Il cordoglio del sindacato: "Sempre in prima linea per i diritti dei lavoratori"
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nicola Belcari

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca