Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 12:39 METEO:PISA11°21°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 17 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Tensione al corteo no Green pass di Milano, la protesta non si ferma e partono le cariche della polizia

Cultura martedì 03 ottobre 2017 ore 12:35

Il Nobel per la fisica alle onde gravitazionali

Premiati Kip Thorne, Barry Barish e Rainer Weiss. Menzionata la collaborazione italiana con il rivelatore Virgo di Cascina. Brindisi italiano



ROMA — Nell'Istituto nazionale di fisica nucleare un grande applauso ha accolto la notizia che il Nobel per la fisica 2017 è stato assegnato agli scienziati Kip Thorne, Barry Barish e Rainer Weiss per "il contributo decisivo al rivelatore Ligo e all'osservazione delle onde gravitazionali". La Fondazione Nobel ha citato espressamente anche la collaborazione dei tre fisici con il rivelatore dell'Osservatorio gravitazionale europeo Virgo, installato a Cascina, in Toscana, e in rete con Ligo, installato invece negli Stati Uniti (vedi qui sotto gli articoli collegati).

Il direttore dell'Infn, Federico Ferrini, ha dedicato il premio ad Adalberto Giazotto, definendolo il "papà di Virgo".

"Il Nobel assegnato oggi è un grandissimo successo per l'Europa - ha commentato Ferrini - Virgo è il risultato di una  collaborazione fra sei paesi europei che ha consentito di sviluppare una tecnologia in modo indipendente rispetto a quella del rivelatore americano Ligo, tanto da arrivare a suggerire a Ligo alcune scelte tecniche e a prendere dati insieme".

Le onde gravitazionali sono le vibrazioni prodotte nell'universo da fenomeni violenti come le fusioni dei buchi neri o le esplosioni stellari e sono state scoperte grazie a due collaborazioni scientifiche internazionali, Ligo e Virgo, la prima statunitense e la seconda europea, a cui hanno preso parte 1.500 fisici di tutto il mondo. Duecento sono italiani.

Le onde gravitazionali furono ipotizzate da Albert Einstein nella teoria della relatività ma è stato possibile osservarle solo dopo l'attivazione dei rivelatori Ligo e Virgo che, lavorando all'unisono, sono in grado non solo di registrarle ma anche di individuarne la sorgente nello spazio.

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Il corteo organizzato dal comitato Porta Fiorentina e dall'associazione Sguardo di vicinato ha sfilato da via Cattaneo fino in zona stazione
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Nausica Manzi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Attualità

Cronaca

Cronaca