Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 18:30 METEO:PISA13°22°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
sabato 23 ottobre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Napoli, strattonata e rapinata poi viene trascinata dal ladro con l'auto

Politica venerdì 18 giugno 2021 ore 18:00

"Tari 2021, in vista aumenti inaccettabili"

Diritti in Comune critica la proposta di modifica delle tariffe sui rifiuti, proposta che approderà in commissione la prossima settimana



PISA — "Come temevamo e denunciamo da mesi - così dal gruppo di opposizione Diritti in Comune -, in una situazione di piena crisi economica e sociale determinata dalla pandemia, ci sarà, incredibilmente, un importante aumento della Tari per tutte le utenze urbane. Arriverà, infatti, in discussione lunedì in Quarta commissione consiliare la proposta di delibera sulle tariffe della Tari per il 2021. Dai documenti emerge un incremento percentuale per le utenze domestiche che oscilla, a seconda dei casi, da un minimo del 10,33 % ad un massimo del 14,55%. Ad esempio una famiglia di 3 componenti che ha una superficie abitativa media di 90 metri quadri, se nel 2020 pagava 363 euro, nel 2021 ne pagherà 411 con un aumento di quasi 50 euro".

"E per quanto riguarda le utenze non domestiche - segnalano ancora da Diritti in Comune -, rispetto al 2020 vi è invece un aumento tariffario medio intorno al 10.9%, che verrà appena attenuato dal milione e 700 mila euro che il Ministero ha dato al Comune di Pisa come ristoro per le attività economiche che sono state chiuse in questi mesi a causa del Covid".

"Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un aumento della pressione fiscale sulla Tari che non solo è ingiusto perché non tiene conto di quanti rifiuti ciascuno realmente produce - commentato da Diritti in Comune, rappresentato in consiglio da Francesco Auletta -, ma che diventa intollerabile alla luce delle difficoltà economiche che le famiglie e le attività attraversano per la crisi che ha portato con sé la pandemia. Ricordiamo che il Consiglio comunale ha approvato una nostra mozione in cui con forza si affermava “la propria contrarietà a qualsiasi eventuale aumento della tariffa determinato dal nuovo sistema di calcolo introdotto da Arera”. Che cosa intendono ora fare la Giunta Conti e la maggioranza al di là del distribuire i ristori ministeriali?"

"Lo diciamo da anni, ma di fronte a questi aumenti diventa improrogabile il passaggio ad una tariffa che tenga conto della reale produzione di rifiuti - hanno osservato in conclusione -. Serve, infine, chiarezza sul Piano economico finanziario, sulle ragioni di questo aumento delle tariffe e soprattutto servono misure che non gravino sui cittadini e le attività colpite dalla crisi, chiedendo di più a chi, invece, in questo anno e mezzo ha realizzato superprofitti".

Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Membro della giunta del sindaco Conti e presidente della Società della Salute della Zona Pisana, si è spenta a 49 anni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Riccardo Ferrucci

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Cronaca

Cronaca

CORONAVIRUS

Cronaca