Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 08:15 METEO:PISA16°29°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
martedì 28 settembre 2021
Tutti i titoli:
corriere tv
Biden fa la terza dose del vaccino Pfizer in diretta tv

Cronaca domenica 04 luglio 2021 ore 17:10

Un minuto di silenzio per Gianfranco Mannini

Gianfranco Mannini

Grande cordoglio per la scomparsa a 76 anni dell'ex consigliere comunale del M5s. Martedì, a inizio di seduta, il momento di raccoglimento



PISA — Il consiglio comunale, nella seduta di martedì, osserverà un minuto di silenzio per la scomparsa a 76 anni di Gianfranco Mannini, ex consigliere comunale del Movimento 5 stelle e prima ancora sostenitore di numerose battaglie civili con i Radicali. A renderlo noto è stato il presidente del consiglio, Alessandro Gennai. Non è previsto funerale: sempre martedì, alla 15,30, ci sarà un saluto laico alla Pubblica Assistenza di via Bargagna.

Fra le tante parole di ricordo, toccanti quelle del consigliere di Forza Italia Riccardo Buscemi e dell'ex consigliera M5s, Valeria Antoni.

"Ammiravo Gianfranco Mannini per la sua determinazione nel portare avanti le battaglie in cui credeva - ha scritto -, molte condivisibili, fino a vincerle; perché era sempre un inguaribile ottimista, e lo dimostrava con il suo bel sorriso stampato in viso, nonostante le difficoltà, superate con la sua voglia di vivere e la grande forza di volontà. Se mi chiamava per coinvolgermi, non riuscivo mai a dirgli di no o a ignorare la sua richiesta. Era una persona semplice e autorevole, che ha aiutato tante persone, la sua autorevolezza veniva dal suo esempio, dalla sua coerenza e dalla sua disponibilità. Quando lo incontravo, quasi ogni giorno nel periodo in cui ho lavorato a Tirrenia, mi veniva sempre incontro esclamando “Ragazzaccio!” e mi sferrava un affettuoso pugno al petto, facendomi barcollare. Il mio pugno di replica sul suo petto non lo smuoveva neppure, era granitico anche fisicamente". 

"Amava la vita, amava i suoi figli, ha seguito Andrea con un esemplare amore paterno, senza mai scoraggiarsi. Per me era ed è un caro amico - ha concluso Buscemi -. La sua morte mi rattrista tantissimo. Formulo alla Sua famiglia e al Movimento 5 Stelle le mie condoglianze".

"Un cagnaccio, questo era Gianfranco - ha ricordato l'ex consigliera M5s, Valeria Antoni -,uno che nella vita ha preso tante cinghiate nei denti ma che ha sempre affrontato tutto con spensieratezza e umorismo, con la battuta pronta. Poche altre persone possono dire di aver avuto una vita rocambolesca come la sua. Nella mia vita politica ho faticato non poco e spesso per cose assurde, ma quella di fare il capogruppo del Mannini credo sia stata una prova di endurance. Gianfranco era mosso solo da passioni, il suo più grande difetto era anche il suo più grande pregio, la generosità! Si fidava delle persone e si riteneva fortunato. Chiunque avesse affrontato la metà delle sue avventure si sarebbe scoraggiato, Attila no! Non si disperava neanche di fronte a situazioni irrisolvibili. Fuori dal suo ufficio una fila continua di persone che lui aiutava senza batter ciglio. Non saprei quantificarne il numero, ma ogni giovedì mattina con caparbietà si presentava per la sua missione di vita, aiutare il prossimo"

"Difficilissimo convincerlo a tenere una linea politica che fosse decisa a priori - ha ricordano ancora Antoni -, potevi metterti d'accordo su qualsiasi cosa tanto lui andava per la sua strada. A me ha insegnato tanto, nella sua tenacia, nei suoi movimenti politici, dagli incatenamenti vari, ai suoi scioperi della fame, i cerotti alla bocca, i cartelli, il trenino che brandiva in consiglio comunale per prendere in giro la maggioranza sul people mover e il suo modo di fare arringhe sempre con il sorriso nel cuore. Innamorato della vita, dei suoi figli, dei quali era orgoglioso di averli cresciuti diversi l'uno dall'altro e delle donne. Mi ha fatto incazzare tante volte per discussioni politiche, mai personali, mai banali e sempre su argomenti di grande spessore. Le sue battaglie sociali sono riconosciute come un metodo ormai "alla Mannini"! Sono stata fortunata di aver percorso un tratto della mia vita con una persona così caparbia e così pura. Un radicale vero, che ha preso un passaggio nel movimento lasciando molto in cambio. Gianfranco era un puro e al giorno d'oggi nella politica mancano persone così. Grazie Gianfranco della lezione che mi hai lasciato, spero di averla compresa a pieno. Ciao Ragazzaccio!"

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
Pisa e provincia assediate dal temporale. Il forte vento ha sradicato alberi e danneggiato i tetti di alcune abitazioni
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Gianni Micheli

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Elezioni

Cronaca

Cronaca