Questo sito contribuisce alla audience di 
QUI quotidiano online.  
Percorso semplificato Aggiornato alle 10:45 METEO:PISA13°  QuiNews.net
Qui News pisa, Cronaca, Sport, Notizie Locali pisa
domenica 16 gennaio 2022
Tutti i titoli:
corriere tv
Milano, Melandri con i «no green pass»: «Qui per difendere il diritto dei ragazzi di fare sport»

Politica mercoledì 17 febbraio 2021 ore 07:30

Un interesse pubblico a due passi dalla Torre

Accesa discussione in consiglio comunale per quanto proposto dalla giunta per via Galli Tassi, dove la scuola Esedra vorrebbe un piano in più



PISA — Il consiglio comunale, al termine di un acceso dibattito, ha riconosciuto l’interesse pubblico dell’attività di “Scuola Superiore per Mediatori Linguistici di Pisa”, fermo restando la necessità di accertare a mezzo di eventuale atto di vincolo (da redigere nelle forme stabilite dall’amministrazione comunale) l’utilizzo dell’immobile di via Galli Tassi - sede della scuola a due passi da Piazza dei Miracoli ma di proprietà della Esedra Immobiliare Srl - per l'attività di detta Scuola per almeno 20 anni.

Nell'atto approvato dal consiglio si ribadiscono anche tutti i no degli uffici tecnici alla richiesta dalla Esedra Immobiliare Srl di poter sopraelevare l'edificio di un piano, richiesta avanzata viste le necessità della Scuola e considerata la sua funzione pubblica, che consentirebbe un permesso costruire in deroga. Per gli uffici tecnici la costruzione in deroga non è possibile - manca anche il parere della Soprintendenza e per di più la richiesta è arrivata dal proprietario dell'immobile e non dalla Scuola - e la posizione del Comune è stata ribadita dall'assessore all'urbanistica, Massimo Dringoli, che ha parlato di "intervento inammissibile"

"La richiesta non è conciliabile con il regolamento urbanistico - ha sottolineato l'assessore -. Ha quindi chiesto l'approvazione in deroga del progetto avvalendosi del ruolo di funzione pubblica che svolge la Scuola. La deroga non può però essere applicata nei centri storici. Via Galli Tassi, inoltre, si sviluppa nelle vicinanza del sito Unesco di Piazza dei Miracoli e rialzando di un piano l'immobile non sarebbe più visibile la Torre dall'Orto botanico, diventato uno degli scorci più caratteristici ed iconici della città". 

La maggioranza di centrodestra ha giustificato l'approvazione di questo atto con la necessità di consentire all'amministrazione di opporsi con più efficacia alle richieste della Esedra Immobiliare Srl. Per le minoranze, invece, il riconoscimento dell'interesse pubblico costituisce una "pericolosa breccia" e il no è stato accompagnato da un ordine del giorno di Diritti in Comune, bocciato, con cui si chiedeva di ribadire la prevalenza dell'interesse pubblico a tutela del patrimonio Unesco di Piazza dei Miracoli.

Alla fine del dibattito, la maggioranza ha approvato l'atto con numeri contenuti: 16 voti favorevoli (compreso il sindaco Conti) e 9 contrari (con le minoranze ha votato il rappresentante del Gruppo misto). Da segnalare tre consiglieri della maggioranza che hanno deciso di non partecipare al voto - Gino Mannocci (Lega), Annalisa Cammellini (Lega) e Francesco Niccolai (Fdi-Pnc) -, e due risultati assenti, Giulia Gambini (Fdi-Pnc) e Emanuela Dini (Lega).


Se vuoi leggere le notizie principali della Toscana iscriviti alla Newsletter QUInews - ToscanaMedia. Arriva gratis tutti i giorni alle 20:00 direttamente nella tua casella di posta.
Basta cliccare QUI

Tag
Iscriviti alla newsletter QUInews ToscanaMedia ed ogni sera riceverai gratis le notizie principali del giorno
L'articolo di ieri più letto
I dati aggiornati contenuti nel report regionale portano ad oltre 66mila le positività accertate in provincia da inizio epidemia. Altre 4 vittime
Offerte lavoro Toscana Programmazione Cinema Farmacie di turno

Qui Blog di Alfredo De Girolamo e Enrico Catassi

QUI Condoglianze



Ultimi articoli Vedi tutti

Attualità

Politica

Cronaca

Attualità